Ibrahimovic: “Prestito? Sto bene ai Los Angeles Galaxy”

Ibrahimovic in prestito al Milan; Zlatan verso il Real Madrid; Ibra lontano dai LA Galaxy ma sempre in MLS. Terminata la regular season con il mancato accesso ai playoff dei Galaxy, sul futuro della star svedese si è aperto un dibattito di mercato che potrebbe portarlo in prestito in Europa per qualche mese. Le richieste non mancano, ma al Media Day della società californiana Ibrahimovic ha chiarito la sua posizione.

“Non andrò in prestito, non ne ho bisogno, questo è sicuro – ha dichiarato -. Se scelgo una squadra mi impegno solo per una squadra, sono concentrato solo su quella. Ora sono qui, vediamo quello che succede. I Galaxy hanno i loro desideri, io ho i miei e il club li conosce bene. Sanno quelle che sono le offerte che ho ricevuto, sanno quello che chiedo. Penso positivo, anche il club è positivo. Non sono preoccupato”.

La richiesta è economica, ma anche tecnica perché un’altra stagione di basso profilo non è ammissibile per Zlatan: contratto da Designated Player, con un ingaggio ben superiore all’attuale 1,5 milioni di dollari, e una squadra competitiva per vincere. Altrimenti tanti saluti, ma non in prestito. “Il nostro obiettivo è tenere Ibrahimovic – ha commentato il presidente dei LA Galaxy Chris Klein, ne stiamo parlando. C’è un contratto firmato fino a dicembre 2019, ma vogliamo tenerlo e vincere. Lui vuole vincere. Possiamo dargli un contratto da DP”.

Dichiarazioni che lasciano aperta comunque ogni strada perché molto dipenderà dalla risposta concreta che arriverà dalla società. Più netta la posizione di Romain Alessandrini: “Voglio restare ai Galaxy almeno altri 2-3 anni. Per farmi andare via devono essere loro a non volermi più”.


Commenti

Commenti

Max Cristina
Giornalista dal 2006, scrivo per SportMediaset, TgCom24 e collaboro con Goal Italia. Ideatore e fondatore di MLSsocceritalia.com, precedentemente redattore di Calciomercato.com

Leggi anche

Torna su