MLS, goal of the Week 9 | MLS Soccer Italia

MLS, goal of the Week 9

Doppiette, rimonte e reti all’ultimo minuto. La Week 9 ci ha lasciato in eredità ben 33 reti, esattamente come la scorsa settimana, e noi puntuali come un orologio svizzero ve le riproponiamo nella nostra classica carrellata.

Jozy Altidore si conferma, ancora una volta, l’attaccante più dominante di tutta la lega. Nella sfida tra i Toronto FC e gli Houston Dynamo l’attaccante della nazionale statunitense realizza la sua prima doppietta in questa stagione. Pregevolissimo l’uno-due realizzato con Sebastian Giovinco che serve con uno splendido pallonetto il numero diciassette che, con un potente destro, realizza la rete del definitivo 2-0. Toronto, grazie ai tre punti conquistati al BMO Field, raggiunge la quinta posizione nella Eastern Conference. Per Houston, invece, arriva la terza sconfitta stagionale che, però, non pregiudica il quarto posto nella Western Conference.

Vittoria in rimonta e zona playoff agguantata dai Vancouver Whitecaps che si impongono per 2-1 nel derby canadese contro i Montreal Impact. Marco Donadel realizza la sua seconda rete da quando veste la maglia degli Impact. Anche questa volta, il gol, arriva con una grande conclusione da fuori area. La volé di Andrew Jacobson prima e la bella azione in verticale conclusa dal sinistro di Cristian Techera poi, confezionano la rimonta dei Whitecaps.

La Eastern Conference sembra aver trovato il proprio padrone. Gli Orlando City fanno ancora bottino pieno tra le mura amiche. Contro i Colorado Rapids arriva la quarta vittoria consecutiva e la sesta totale su sette incontri disputati. Le reti arrivano nella ripresa a ritmo di musica latina. Prima Carlos Rivas firma l’1-0 con una grande bordata da fuori area mentre Kakà, con un tap-in vincente dopo il palo di Cyle Larin, festeggia al meglio il suo ritorno in campo dopo un infortunio muscolare che lo ha tenuto fuori per cinque partite.

Al Mapfre Stadium di Columbus i Columbus Crew e i New York City FC danno vita ad uno degli incontri più scoppiettanti di questa giornata. Maxi Moralez inventa e Jack Harrison concretizza il momentaneo vantaggio ospite con un bel tocco sotto. La risposta dei padroni di casa non tarda ad arrivare. Il pareggio arriva dai piedi dell’uomo franchigia Federico Higuain che segna il suo secondo centro in questa stagione. Higuain mette lo zampino anche nel raddoppio di Columbus permettendo, con un velo, ad Ola Kamara di scaraventare in rete l’assist di Ethan Finlay. Nella ripresa Yangel Herrera di testa e il vellutato sinistro di Jack Harrison regalano i tre punti ai ragazzi di Patrick Vieira che salgono, così, al terzo posto della Eastern Conference superando proprio Columbus.

Festa doppia nella Grande Mela grazie alla vittoria per 2-1 dei New York Red Bulls sui Chicago Fire dell’ex di lusso Dax McCarty. Il gol del vantaggio per i padroni di casa lo firma, tanto per cambiare, Bradley Wright-Phillips. Per il capocannoniere dello scorso campionato arriva la quarta rete stagionale. Vantaggio neutralizzato dalla rete di Nemanja Nikolic che finalizza al meglio un fantastico assist dell’ex capitano Dax McCarty. I Red Bulls, però, ne hanno di più e Kemar Lawrence al 71′ minuto mette le ali alla squadra di Jesse Marsch. Tre punti e secondo posto in Conference. Per i Chicago Fire arriva la seconda sconfitta consecutiva.

Dopo un turno di squalifica i Portland Timbers ritrovano Fanendo Adi e il bomber dei “taglialegna” riprende a fare quello che gli riesce meglio: segnare. Di testa arriva il gol che apre i giochi contro DallasMaximiliano Urruti decide di non essere da meno e, con un’azione in solitaria, realizza un gran gol per il momentaneo 1-1. Anche Portland dispone di un argentino niente male. No, non è Diego Valeri ma il nuovo arrivato Sebastian Blanco. Il numero dieci, dopo un bel controllo riporta in vantaggio i suoi di sinistro. A posto così? Neanche per sogno. A dieci minuti dallo scadere Tesho Akindele decide di far terminare l’incontro i parità realizzando di piattone il gol del definitivo 2-2.

A Minneapolis torna di moda il segno negativo. Florian Jungwirth, con il suo secondo gol stagionale, firma la rete che vale i tre punti a favore dei San Jose Earthquakes. I Minnesota United, dopo la bella vittoria contro Colorado tornano coi piedi per terra. Vola, invece, San Jose che con i tre punti ottenuti in trasferta balza in piena zona play-off.

Continua a volare Sporting Kansas City grazie al 3-0 rifilato al Children’s Mercy Park  al Real Salt Lake. Gli uomini di Vermes giocano una partita perfetta aprendo i conti con la conclusione dal limite di Benny Feilhaber. Dom Dwyer Gerso, nel secondo tempo, chiudono la pratica. Kansas City non segna tanto, sono solo nove le reti realizzate sino ad ora, ma dispone della miglior difesa della Lega con solo tre gol subiti. Quando il miglior attacco è la difesa.

Creare per poi distruggere. Ecco come si può sintetizzare Seattle Sounders New England Revolution. Sono gli ospiti a creare un buon fortino tra primo tempo ed inizio ripresa portandosi in vantaggio con ben tre reti. Daigo Kobayashi, grazie alla complicità di Frei, porta in vantaggio NE. Vantaggio rafforzato successivamente da Juan Agudelo che con una doppietta porta a cinque i suoi gol in questa stagione. Nicolas Lodeiro riaccende le speranze per Seattle complice la deviazione di un difensore avversario. Will Bruin anima il fuoco dei Sounders che esplodono definitivamente verso il novantesimo quando Osvaldo Alonso, di testa, fissa il punteggio sul definitivo 3-3.

Dopo la vittoria con il Real Salt Lake, per gli Atlanta United arriva la terza sconfitta stagionale. I D.C. United vincono per 3-1 rimontando il momentaneo vantaggio dei rossoneri firmato da Kenwyne Jones. Michael Parkhurst, con un’autorete, rimette in corsa i capitolini che allungano con Luciano Acosta e chiudono definitivamente i conti con il francese Sebastien Le Toux. Non fate caso al risultato segnato nel video. Atlanta – DC United termina davvero 3-1.

Unico 0-0 di giornata è quello tra i Los Angeles GalaxyPhiladelphia Union. Pareggio che non aiuta nessuno in quanto le due franchigie occupano rispettivamente il decimo posto della Western Conference e l’undicesimo posto della Eastern Conference.

Commenti

comments

Simone Baldo
Simone Baldo, classe 1991. Laureato all’Università degli Studi di Milano-Bicocca in Comunicazione Interculturale. Ho iniziato a scrivere per Sprint&Sport

Leggi anche

Torna su