MLS, talenti per l’Europa: Trapp, Morris e gli altri, ecco chi è pronto

C’è un altro mondo al di là dell’Oceano. Un Vecchio Continente pallonaro, dove il calcio non è inteso solamente come mero spettacolo, ma una costante, e asfissiante, ricerca del risultato: tra chi è pronto a tutto, spendendo suon di milioni sul mercato, per vincere ogni cosa e chi, invece, deve ingegnarsi per non affogare e annaspare nella zona d’ombra della retrocessione. Intorno una miriade di tifosi che non conoscono mezze misure: esaltanti e adulanti in caso di trofei e vittorie, aggressivi e contestatori quando le cose vanno male. Un paradiso terrestre comandato dalla palla a spicchi pronto a trasformarsi nell’inferno della corsa alla vittoria.

Nella MLS dove, praticamente, non esiste la pressione, se non per qualche big, vedi Giovinco a causa del suo stipendio, e qualche squadra, quelle che spendono sul mercato, e, soprattutto, non c’è l’ansia da retrocessione, ci sono giocatori pronti al grande salto, a prenotare il primo biglietto aereo per lasciare gli States e abbracciare l’Europa. E oggi facciamo 3 nomi, tutti statunitensi.

Wil Trapp – Classe ’93, regista, faro e capitano di Columbus Crew. Pensa calcio in verticale, ottimo lancio e anche capacità di inserirsi. Tutto quello che serve nel bagaglio del miglior giovane d’America del 2013, che ha la pecca di vedere poco la porta (1 solo gol in 4 anni di MLS). Quello che vede benissimo, però, è lo spazio nel quale mandare i compagni. Bravo nel dribbling, eccellente nell’eludere la pressione avversaria, dopo gli anni all’Università di Akron è tornato a casa, a Columbus. E ha già scritto la storia: è stato il primo homegrown player di Columbus Crew a partecipare a un All Star Game. E’ pronto per l’Europa, è pronto per dirigere un’orchestra, nel cuore del centrocampo, del Vecchio Continente.

Jordan Morris – Decisamente pronto per l’Europa. Limiti tecnici compensati da una fame costante, attacco della profondità e corsa continua, centravanti ma, all’occorrenza, anche esterno d’attacco. Al primo anno si è preso sulle spalle il peso dell’attacco di Seattle, e dell’eredità di Dempsey, roba non da poco, conducendo i Seattle Sounders alla vittoria del titolo. Mi ricorda, in qualcosa, Andrea Belotti, con meno fiuto del gol. Un grave infortunio gli ha fatto perdere tutta la stagione 2018 della MLS, ma il tempo è dalla sua parte e la nazionale saprà aspettarlo.

Eric Miller – Il terzino destro dei Colorado Rapids. 24enne americano, è uno di quelli regolari, che non lo vedi mai presente nelle statistiche, assente nelle voci assist e gol, però… c’è. Uno che, per intenderci, nell’era di internet ha un solo video dedicato su Youtube per le sue prestazioni. Poi solo interviste, commenti e highlight dei Rapids. 186 cm di uomo, ordinato e solido, l’ideale per le difese organizzate europee che vogliono alzare un muro con uno dei pilastri della MLS nel giro della nazionale degli States.


 

Commenti

Commenti

Leggi anche

Torna su