USL, Shaun Wright-Phillips lascia i NY Red Bulls: giocherà coi Phoenix Rising | MLS Soccer Italia

USL, Shaun Wright-Phillips lascia i NY Red Bulls: giocherà coi Phoenix Rising

Sarà il deserto la nuova casa di Shaun Wright-Phillips che a 35 anni suonati lascia i New York Red Bulls per approdare ai Phoenix Rising in United Soccer League (USL). La sua aura nella Grande Mela è stata oscurata dalle brillanti prestazioni dei fratello minore Bradley, diventato miglior marcatore nella storia della franchigia allenata da Jesse Marsch. Wright-Phillips ha collezionato solamente 25 presenze con i “tori rossi”, mettendo a referto un solo gol ed un solo assist. Nuovi stimoli e un nuovo ambiente è ciò che serve a SWP, che raggiunge Omar Bravo (ex nazionale messicano) e Jordan Stewart (ex San Josè Earthquakes e Under-21 inglese) nell’ambizioso progetto della dirigenza di portare Pheonix, un giorno, nella Major League Soccer.

Il gruppo di investimento del team dei Rising è composto dal cantante e pluristrumentista dei Fall Out Boy’s Pete Wentz, dal lanciatore dei Los Angeles Dodgers Brandon McCarthy e dal produttore discografico Diplo. L’acquisizione di giocatori come Wright-Phillips è una mossa calcolata per attirare attenzione su una realtà che ha necessità di crescere in visibiltà. Omar Bravo porterà interesse fra i tifosi messicani, Shaun da quelli in Inghilterra. Insomma più di qualche spunto per guardare con un occhio di riguardo la stagione che i Phoenix Rising stanno per iniziare.

di Jacopo Bravi


 

Commenti

comments

Redazione

MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su