RSL-Rapids per la Rocky Mountain Cup

La sfida tra Colorado Rapids e Real Salt Lake potrebbe valere più dei canonici tre punti in classifica. Quello che in pochi sanno è che i due club giocano un torneo parallelo denominato Rocky Mountain Cup.

Questa competizione ha visto i suoi albori nel 2005 quando, grazie all’espansione della MLS con l’entrata in scena del Real Salt Lake, i supporters della compagine dello Utah e quelli dei Colorado Rapids decisero di istituire questo torneo per aggiungere un po’ di pepe alla rivalità. Vince chi al termine delle sfide stagionali tra i due club ha rocky mountain cuprealizzato più punti o, in caso di parità di punti, differenza reti e gol fatti, chi detiene il trofeo.

Un’idea nata il 16 aprile 2005 e inagurata al Rice-Eccles Stadium, casa del neonato Real Salt Lake che si impose 1-0. Quell’anno poi, però, furono i Colorado Rapids ad aggiudicarsi la prima edizione del trofeo andando a vincere le restanti tre partite della stagione. Titolo bissato anche nella stagione successiva. Dal 2007 il vento, però, cambiò direzione e iniziò a soffiare nella direzione della squadra dello Utah che istituì una vera e propria egemonia sino al 2014 intervallata solamente da un successo Rapids nel 2013 e quello della stagione scorsa ottenuto solo grazie alla differenza reti. Sette successi per il Real Salt Lake contro i quattro dei Colorado Rapids.

L’edizione 2016 sembra molto equilibrata ed incerta, infatti le due squadre condividono a pari punti la testa della Western Conference. I Colorado Rapids sono riusciti a sopperire alla mancanza del genio di Marco Pappa (infortunato da metà aprile) con l’acquisto, già decisivo, del veterano Jermaine Jones e l’esplosione dell’ex Basilea Shkëlzen Gashi. Nella sponda Real, Nick Rimando e compagni continuano a stupire grazie all’apporto di Joao Plata (ora infortunato) autore di quattro reti, una segnata proprio nel primo match disputato il 10 aprile.

Una doppia occasione per i ragazzi di Jeff Cassar, allenatore di Real Salt Lake: dovessero ottenere la vittoria guadagnerebbero sia la testa della Western Conference che la conquista della Rocky Mountain Cup. Ma attenzione ai Rapids, sicuramente non avranno voglia di vedere i propri rivali festeggiare al Dick’s Sporting Goods Park.


Commenti

Commenti

Simone Baldo
Simone Baldo, classe 1991. Laureato all’Università degli Studi di Milano-Bicocca in Comunicazione Interculturale. Ho iniziato a scrivere per Sprint&Sport

Leggi anche

Torna su