Rangers: Adi e Kranjcar nel mirino

Fanendo Adi

Gli occhi sulla Major League Soccer sono sempre più puntati dalla sponda al di qua dell’Oceano Atlantico. Non sono molti i giocatori che hanno fatto il percorso inverso rispetto ai vari Giovinco, Pirlo per restare al recente passato o Donadoni, Gullit e Beckham andando un po’ più indietro. Ma qualcosa si muove e diversi contatti tra le società si stanno intensificando.

kranjcar cosmosUno dei gioielli più ambiti dell’intera lega è il bomber dei Portland Timbers, Fanendo Adi. L’attaccante nigeriano, già autore quest’anno di 8 gol dopo l’ottima MLS 2015, è da tempo nei titoli di giornale britannici. Piace al Crystal Palace, ma secondo quanto riportato dall’agente dello stesso attaccante il passaggio del suo assistito a Londra è complicato dalla difficoltà di ottenere il permesso di lavoro. Le offerte però non mancano e portano qualche chilometro più a nord, direzione Glasgow sponda Rangers.

I Blues vogliono tornare grandi e dopo il trionfo in coppa di Scozia contro i rivali del Celtic, vogliono puntare a fare una squadra competitiva per il ritorno in Premier appena conquistato. Adi, giocatore dalle caratteristiche secondo il nostro punto di vista perfette per un campionato britannico, potrebbe essere il primo tassello. L’attaccante nigeriano, sempre per ammissione dell’agente, ha richieste e contatti anche da due club in Germania e uno dal Belgio. Ma i Rangers guardano agli Stati Uniti anche per il centrocampo.

Dopo i contatti con Joey Barton, da New York si segnalano approcci insistenti con Niko Kranjcar dei New York Cosmos, nella NASL. Il centrocampista croato del resto ha firmato un accordo con lo storico club solo per i mesi della Spring Season. “Un ottimo modo di tenersi in forma” dichiarò al suo arrivo nella Grande Mela per poi glissare sulla possibilità di prolungamento del contratto per la Fall Season.


 

Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su