Piqué, occhiolino alla MLS: “Mi piacerebbe giocarci”

Avanti un altro, se un campione d’Europa e del Mondo meglio ancora. Negli ultimi anni la crescita della MLS è stata innegabile e l’interesse intorno al soccer americano tanto tra i tifosi quanto tra gli addetti ai lavori è aumentato esponenzialmente. Beckham e Henry furono i primi ad alzare il livello della Major League Soccer, ma oggi sono diversi i giocatori di livello internazionale pronti a seguire l’esempio di Kakà, Pirlo e compagni, magari anche prima dei trent’anni come Sebastian Giovinco che a Toronto ha trovato il paradiso.

L’ultimo in ordine temporale a esporsi è stato Gerard Piqué, una delle stelle del Barcellona, della Liga e della Champions League: “La MLS ha un modello diverso da quello a cui siamo abituati, ma è in grande ascesa. E’ la settima lega al mondo per numero di spettatori, subito dopo i grandi campionati europei. I tifosi sono sempre più attratti dal calcio”.

Una crescita affiancata dal campionato cinese dove gli investimenti hanno portato diversi giocatori europei, ma Piqué ha fatto la sua scelta: “In Cina non credo mi piacerebbe giocare, ma negli USA la cosa potrebbe essere diversa. Potrebbe essere un’opzione interessante per qualche anno, almeno fino a quando avrò ancora piacere di giocare a calcio”.


Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su