Pepito Rossi mai così vicino alla MLS

“Quindi Pepito torna a casa…” non è un verso di una recente canzone che ha pervaso le nostre radio di recente. Pepito torna a casa fa pensare al calcio, anzi al soccer, agli Stati Uniti e quindi alla MLS. Più volte negli anni lo sfortunato Giuseppe Rossi si è allenato con i New York Red Bulls mentre combatteva contro gli infortuni, ma mai il rapporto tra il calcio e la sua nascita in New Jersey si è trasformata in un’opportunità di giocare in MLS.

Volontà del giocatore in attesa di chiamate in Europa? Poca fiducia nella condizione fisica dell’attaccante da parte dei club nordamericani? Chi lo sa, la verità probabilmente sta nel mezzo come sempre, ma mai come in questa occasione un matrimonio tanto atteso potrebbe sfociare in una festa. Ipotetica per ora, ma paventata da chi di Giuseppe Rossi cura gli interessi: “Sono arrivate varie offerte negli ultimi mesi – ha commentato Federico Pastorello a RMC Sport -. Qualcuna dall’Europa, ma non da club che hanno interessato Pepito. Valutiamo proposte in giro per il mondo e a giorni dovremmo avere qualche novità, in particolar modo dalla MLS“.

Sulle condizioni fisiche: “Sta bene, l’ultimo infortunio grave risale a tre anni e mezzo fa e ora ha recuperato al 100%. Peccato che nessuno lo abbia preso in considerazione perché ha una grande voglia”.

Su Twitter abbiamo rilanciato la notizia, e i tifosi nordamericani si sono divisi tra chi pensa che sarebbe un buon acquisto e se lo augurerebbe per il proprio club e chi, invece, nutre molti dubbi. Di squadre che nel reparto avanzato hanno bisogno della qualità di Pepito Rossi ce ne sono parecchie, ma è normale pensare a lui collegandolo al New Jersey (quindi Red Bulls) o al massimo a New York (sponda City). O comunque in quelle zone lì.

In attesa di capirne di più, dove lo vedreste bene? Ditecelo sui nostri social.


Commenti

Commenti

Max Cristina
Giornalista dal 2006, scrivo per SportMediaset, TgCom24 e collaboro con Goal Italia. Ideatore e fondatore di MLSsocceritalia.com, precedentemente redattore di Calciomercato.com

Leggi anche

Torna su