NYCFC, Lampard risponde ai fischi

La MLS 2016 per Frank Lampard è un vero incubo. Dopo le tante polemiche per l’ingaggio faraonico e i pochissimi minuti in campo dell’inglese dal suo arrivo la scorsa estate a New York, nel

Aug 29, 2015; New York, NY, USA; New York City FC midfielder Frank Lampard (8) points to teammates against the Columbus Crew SC during the first half at Yankee Stadium. Mandatory Credit: Danny Wild-USA TODAY Sports

derby contro i Red Bulls è arrivato l’esordio in campionato dell’ex Chelsea condito da una bordata di fischi dei propri tifosi. Un fatto che sorprende fino a un certo punto perché chi vive il NYCFC da tifoso sa del rapporto turbolento tra le due parti, ma Lampard non è stato a guardare e ha risposto a suo modo.

“Ai tifosi non interessa del mio infortunio, non se ne sono nemmeno preoccupati – ha commentato -. Mi hanno fischiato perché ero infortunato? Se è così non posso farci molto. Ho avuto un brutto infortunio che mi ha tenuto fuori 8-10 settimane. All’inizio si pensava fosse una cosa da poco, ma poi le cose sono andate per le lunghe. Mi sono allenato tutti i giorni due volte al giorno per recuperare, ma questo alla gente non interessa. Loro mi fischiano perché ero infortunato, ma ripeto, se è così non posso farci nulla. Posso solo allenarmi, giocare e mostrare le mie qualità”.

Questa è ovviamente anche la speranza dei tifosi del NYCFC

Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su