MLS People: Alex, un brasiliano atipico per Houston | MLS Soccer Italia

MLS People: Alex, un brasiliano atipico per Houston

Siamo tornati con la nostra rubrica MLS People, la rubrica che vi permette di conoscere la storia di alcuni protagonisti della MLS. La nuova tappa del nostro tour negli USA è Houston casa degli Houston Dynamo che, dopo delle annate che definire disastrose è poco, sembrano essere tornati su alti livelli grazie soprattutto al nuovo coach Wilmer Cabrera.

Il protagonista da voi scelto è stato Alex, metronomo brasiliano con un passato che però non ha nulla a che vedere con i colori verdeoro. Alex Monteiro de Lima, questo il nome completo, infatti non ha mai giocato da professionista in Brasile in quanto fin da giovanissimo emigrò in Svizzera.

Nato il 15 Dicembre 1988 a Sao Paulo, Alex, come quasi tutti i ragazzi brasiliani nasce con la passione per il calcio ed inizia a giocare, con gli amici, nei campetti di strada. Il suo sogno è quello di arrivare a vestire la maglia della squadra della sua città, giocare per la prima squadra del Sao Paulo, uno dei club più blasonati del Brasile.

Risultati immagini per alex wohlen

Alex inizia a mettersi in mostra nel Gremio Mauaense squadra di Maua, una cittadina periferica di Sao Paulo. Qui inizia a muovere i primi passi da calciatore ed inizia a capire cosa voglia dire giocare di squadra. In modo del tutto inaspettato però arriva una svolta nella vita di Alex, i suoi genitori hanno trovato lavoro in Svizzera e così lui, all’età di 16 anni, lascia la sua patria per emigrare in Europa.

Alex però è ossessionato dal pallone e così anche in Svizzera decide di cercarsi una squadra e viene notato da degli osservatori del Wohlen che inizialmente lo ingaggiano per farlo giocare nelle giovanili ma dopo 1 solo anno viene promosso in prima squadra e il 4 Agosto 2008 fa il suo debutto da professionista nella sfida di Challenge League persa 3-1 contro il San Gallo. L’anno successivo viene mandato in prestito, sempre in Challenge League, questa volta giocherà per il FC Gossau. Giocherà 18 partite ed il 9 agosto 2008 troverà il suo primo gol da professionista. Il finale di stagione si rivelerà molto travagliato, pochissime presenze, a causa di alcuni dissidi con l’allenatore.

Il Wohlen lo richiama per la successiva stagione e dopo un inizio stentato, Alex, diventa perno del centrocampo e giocatore chiave della squadra. Il Wohlen sfiora la promozione in massima serie anche grazie al suo enorme contributo in mezzo al campo. La stagione 2011/12 è quella della svolta; al Wohlen continua ad essere protagonista e molti addetti ai lavori si chiedono come un giocatore con quelle qualità, a 24 anni, sia ancora in seconda divisione svizzera.

Nell’estate 2016 saluta il Wohlen e la Svizzera perché per Alex è arrivata una nuova sfida, Alex è un nuovo giocatore dei Chicago Fire. In poco più di 2 anni, in Illinois, totalizza 82 presenze segnando 2 gol e fornendo 4 assist. L’esperienza a Chicago sarà a due facce ed Alex la descrive così:

“Quando arrivai ero molto eccitato, ero in una grande città, in una squadra importante e non vedevo l’ora di scendere in campo. Penso di aver lasciato un buon ricordo ai tifosi anche se a livello di squadra potevamo e dovevamo fare di più. Non sono ipocrita e reputo la mia esperienza a Chicago, personalmente, positiva sia a livello umano che a livello professionistico ma sicuramente deludente in termini di risultati di squadra.”

Risultati immagini per alex chicago fireL’esperienza a Chicago si chiude nel 2015 quando passa agli Houston Dynamo. Anche in Texas però non sembra andare bene per il metronomo brasiliano, infatti nonostante le buone prestazioni messe in campo la squadra fatica ad ottenere risultati e sia il 2015 che il 2016 si concluderanno senza playoff. Alex ha parlato così della sua ultima preseason:

“Dopo 4 anni in MLS ho iniziato a fare dei bilanci e i risultati non erano positivi. Sia a Chicago che a Houston non sono riuscito, insieme ai miei compagni, a raggiungere i playoff. L’ultimo periodo del 2016 era stato anche difficile in quanto spesso cambiavo ruolo e giocavo come esterno di centrocampo anche se non mi trovavo a mio agio. Ho pensato di andarmene, tornare in Svizzera o in Brasile ma poi coach Cabrera mi ha parlato e mi ha fatto sentire importante così ho deciso di abbracciare il suo progetto che fin qui ci sta portando a buoni risultati.”

Risultati immagini per alex houston dynamo

In questa stagione, Alex, ha disputato 20 partite realizzando 2 gol e fornendo ben 6 assist e gli Houston Dynamo si trovano terzi ad ovest ed ottavi nella corsa al Supporters’ Shield, qualcosa di impensabile dopo l’ultima orribile stagione chiusa da ultimissimi.

Alex è di fondamentale importanza per coach Cabrera che lo schiera sempre titolare nei tre di centrocampo con il compito di dare ordine all’azione offensiva cosa che fin qui sta riuscendo molto bene tanto che nelle ultime settimane ha dichiarato:

“Alex mi garantisce grande ordine al centro del campo e deve cercare di essere sempre lucido nelle sue giocate perchè in questo modo è più facile per gli altri trovare la via della rete”

Sul centrocampista brasiliano ha speso buone parole anche Ricardo Clark, capitano degli Houston Dynamo nonché compagno di reparto di Alex: “E’ fondamentale per la squadra. E’ incredibile come esegua alla perfezione i compiti che il coach gli assegna, ha sempre un atteggiamento positivo che è fondamentale per affrontare questa stagione che si prospetta importante per tutti noi.

Alex, un brasiliano atipico.


Commenti

comments

Lorenzo Viganò

Seguo la MLS perché adoro la mentalità americana negli sport, in particolare, la spettacolarità che gli viene data grazie ai playoff. Reputo la MLS un campionato genuino, senza polemiche e che premia chi merita

Leggi anche

Torna su