MLS, Adidas e Parley per la salvaguardia degli oceani | MLS Soccer Italia

MLS, Adidas e Parley per la salvaguardia degli oceani

In vista della Giornata della Terra che si terrà il prossimo 22 aprile, l’ottava giornata della MLS vedrà New York City FC, Los Angeles Galaxy, Seattle Sounders e Orlando City vestire una maglia “speciale” creata apposta per l’occasione.

Adidas (sponsor tecnico della MLS n.d.r.) ha deciso di realizzare, in collaborazione con il movimento per la difesa degli oceani Parley, delle divise che verranno utilizzate proprio il prossimo 23 aprile in occasione anche dell’iniziativa Green Goals promossa dalla lega per favorire il riciclaggio della plastica in tutto il movimento calcistico.

I kit saranno indossati durante la sfida dello Yankee Stadium tra i New York City Orlando City e quella dello StubHub Center tra i  Los Angeles Galaxy e i Seattle Sounders. 

“Ogni respiro che prendiamo è generato dagli oceani. E nonostante ciò, siamo ancora in guerra con il mare”  ha dichiarato Cyrill Gutsch, fondatore di Parley for the Oceans. “Ora è il momento di negoziare la pace con la nostra vita. Sostenere e inventare il nostro modo per uscire da questo disastro. Il calcio può indicare la giusta strada. Mostra ciò che possiamo ottenere con il giusto equilibrio di creatività, collaborazione e tecnologia “.

Le divise, infatti, non solo avranno dei colori creati ad hoc per l’occasione ma anche il materiale con cui queste sono state create sarà particolare. Una volta raccolto il materiale plastico, viene ripristinato in un materiale adatto sia nel campo dell’abbigliamento, come in questo caso, sia in quello delle calzature. Tutte le divise, inoltre, per ricordare ancora di più questa iniziativa, avranno ricamata nel colletto la scritta “for the oceans” (per gli oceani).

Le divise dei Los Angeles Galaxy e dei Seattle Sounders
Le divise dei New York City e Orlando City

 

Commenti

comments

Simone Baldo

Simone Baldo, classe 1991. Laureato all’Università degli Studi di Milano-Bicocca in Comunicazione Interculturale. Ho iniziato a scrivere per Sprint&Sport

Leggi anche

Torna su