Marchisio-MLS, un corteggiamento mai terminato

Claudio Marchisio ha lasciato la Juventus. Con stile, con un sorriso maliconico e una frase strappalacrime, ma ha lasciato il bianconero, colore che lo ha visto crescere per tutta la carriera calcistica fino ai successi nazionali. E’ svincolato, condizione preferita dai club di MLS per trattare con i giocatori europei di una certa importanza, e il corteggiamento tra diverse franchigie e il “principe” juventino non è mai stato un segreto. Piaceva, piace, piacerà. Da lì a dire che il futuro di Marchisio sia in MLS ce ne passa, ma mai come in questo momento è una possibilità.

Nonostante le smentite, anche dello stesso giocatore, diverse squadre hanno contattato Marchisio tramite il suo entourage. Stiamo parlando di New York City e Montreal Impact, soprattutto i canadesi. La comunità italiana importante e i rapporti ottimali con il calcio italiano potrebbero fare da ponte per una trattativa che fino a pochi giorni fa sembrava solo una voce incontrollata di mercato, ma che ora assume connotati più importanti. Staremo a vedere.

Come potrebbe integrarsi Marchisio, 32 anni e reduce da annate sfortunate dal punto di vista fisico, è un’incognita. Probabilmente però quello Nordamericano non è il torneo giusto per Marchisio per via appunto degli acciacchi fisici che ne limiterebbero le prestazioni, come successo con Andrea Pirlo. I tanti spostamenti ravvicinati, i terreni in turf e un ritmo spesso frenetico non lo rendono un torneo appetibile.


 

Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su