“Klinsmann non è un vero allenatore”

La sconfitta all’esordio della Copa America Centenario a Santa Clara, California contro la Colombia ha subito messo in mostra il clima difficile intorno alla nazionale USA. Il mai amato ct Jurgen Klinsmann è stato attaccato dopo lo 0-2 dal giornalista Matt Doyle del sito ufficiale della MLS.

“Nessun selezionatore ha mai avuto a disposizione così tanti calciatori americani con esperienza nei migliori campionati del mondo e in Champions League – si legge nell’articolo -. Nessuno ha mai avuto una rosa così profonda e versatile. Eppure la squadra finisce sempre a giocare come una semplice somma delle sue parti. Yedlin è un giocatore peggiore quando gioca con la Nazionale rispetto al Sunderland; Bedoya non è efficace come lo è nel Nantes; Johnson è indomabile nel Borussia Moenchengladbach e invisibile con la maglia a stelle e strisce. Il comune denominatore è Jurgen Klinsmann. Abbiamo dovuto festeggiare dopo le ultime due amichevoli perché ha schierato solo quattro giocatori fuori ruolo (Dempsey, Wood, Zardes, Johnson) e vista la mancanza di alchimia era già una vittoria. Ma nessuna squadra guidata da un vero allenatore si comporta in questo modo”.

Il tedesco con ogni probabilità lascerà l’incarico dopo la Copa America ma tra i tanti tifosi americani non è mai stato particolarmente amato. La sua riluttanza nel convocare giocatori della MLS in favore di altri, magari meno conosciuti ma che giocano nelle categorie inferiori europee, non ha mai convinto. Ma la fossa l’ex Inter se l’è scavata all’ultimo mondiale decidendo di non convocare l’idolo Landon Donovan togliendogli la possibilità di giocarsi l’ultima grande manifestazione prima del ritiro.

Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su