Incendi USA: anche la MLS ne paga le conseguenze

Non c’è pace per la MLS (e non solo) in questo 2020.
 
Dopo lo stop per la pandemia di Covid-19 che ha portato perdite ingenti a livello economico alla lega e le manifestazioni di protesta contro un razzismo generalizzato in Usa, c’è un nuovo fattore con cui diverse società devono fare i conti: gli incendi.
 
Dozzine di incendi – dolosi e non – stanno imperversando sulla West Coast, come abbiamo potuto purtroppo notare nell’area intorno a San Francisco. La catastrofe sta assumendo dimensioni pazzesche e i fumi sono arrivati fino all’Europa attraversando l’Atlantico.
 
Una situazione che sta rendendo ancora più difficile lavorare per squadre come Seattle Sounders, Vancouver Whitecaps, San Jose Earthquakes, LA Galaxy e LAFC, ma la situazione più critica al momento è per i Portland Timbers (il Providence Park nella foto).
 
La regione di Portland al momento è considerata “la peggiore sulla Terra come qualità dell’aria” a causa del fumo, della nebbia tossica.
 
Per questo motivo i Timbers ormai da qualche giorno si stanno allenando Indoor costringendo coach Savarese a un lavoro diverso e complicato. Le Thorns (NWSL) invece hanno già rinviato due partite interne.
 
“L’aria è irrespirabile – ha commentato Savarese -. Basta uscire di casa e si sente che è bruciata, c’è un odore intenso di legno bruciato e non è facile respirare. Non c’è modo per cui si possa pensare di allenarsi all’aperto”.


Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su