Henry ai Montreal Impact: “Sono caduto e ho imparato”

Thierry Henry ha chiarito: l’ex star dell’Arsenal ha scelto sia i Montreal Impact sia la loro città natale: “Se prendi la parte migliore dell’Europa e la parte migliore del Nord America, arriverai a Montreal”, ha detto Henry nella sua conferenza stampa introduttiva martedì, nel centro sportivo degli Impact.

Henry e i suoi rappresentanti hanno scelto gli Impact per far ripartire la carriera d’allenatore del francese in un campionato che aveva lasciato come giocatore cinque anni prima. Henry è diventato il settimo allenatore nell’era MLS degli Impact – ma il suo rapporto con la città parte da ancora più lontano.

Henry è passato dallo Stade Saputo anche prima che gli Impact si unissero alla MLS, visitando Montreal per un’amichevole come giocatore dei Red Bulls di New York nel 2011.

“Mi sono innamorato di questa città”, ha detto Henry. “Ho anche un passato in MLS, quindi è stato molto facile fare questa scelta per me. Inoltre, come ha detto il direttore sportivo Olivier Renard, la sua visione e il suo modo di vedere il gioco coincidono con le mie, abbiamo trovato un accordo velocemente. Questa è una città straordinaria e un grande mercato per il calcio, non molte persone ne sono consapevoli, ma io lo sono.”

Henry arriva a Montreal a seguito di un periodo deludente e di breve durata in Ligue 1 alla guida dell’AS Monaco. Il francese è stato licenziato dopo soli tre mesi alla sua prima esperienza in assoluto come allenatore, ma ha insistito sul fatto che ha imparato da quell’esperienza e ne crescerà.

“Io la vedo così, o vinci o impari, e ho imparato molto lì”, ha dichiarato Henry. “Si tratta di rialzarsi, sempre. Devi alzarti ed essere di fronte a ciò che accade. L’unico errore che puoi fare è non imparare da quello che è successo. “

Renard, che ha assunto la carica di direttore sportivo degli Impact a settembre, ha dichiarato di aver parlato con l’ex allenatore Wilmer Cabrera, per rispetto di ciò che aveva fatto, ma senza trovare l’accordo per un rinnovo del contratto. Il belga è quindi partito per l’Europa, dove ha ammesso di aver ricevuto alcune offerte da agenti e contatti mentre cercava il nuovo allenatore dell’IMFC. Alla fine, Henry è stata l’unica intervista che ha condotto prima di finire per offrire la posizione all’ex attaccante.

“Molte persone mi hanno contattato per presentare i loro assistiti, c’erano anche molte persone che conoscevo e non avevo bisogno di sentire né dal Belgio né dall’Italia”, ha detto Renard. “Abbiamo avuto i nostri primi contatti con Henry verso la metà di ottobre e abbiamo sentito che questa relazione avrebbe funzionato”.

La passione e la motivazione di Henry sia per la città che per il gioco del calcio sono state quelle che hanno attirato l’attenzione di Renard. La filosofia offensiva di Henry e il fatto che abbia iniziato la sua carriera di allenatore nell’accademia giovanile dell’Arsenal erano altri aspetti interessanti: “Per me, si tratta di lavorare con giovani giocatori”, ha detto Renard. “È un punto che ho citato all’inizio e ha già lavorato in quel contesto.”

La nomina di Henry sembra aver riacceso la passione di Montreal per il club. Gli Impact hanno perso terreno per quanto riguarda le presenze allo stadio nel 2019, ma il presidente e CEO Kevin Gilmore ha affermato che la richiesta di abbonamenti è notevolmente migliorata negli ultimi giorni: “Suoniamo un campanello ogni volta che vendiamo un abbonamento”, ha detto Gilmore. “E la campana suona abbastanza spesso dall’annuncio di Henry.”


Commenti

Commenti

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su