Dall’Afghanistan al Canada. Intervista con Hoshang Noor Ali

Hoshang Noor Ali è un calciatore afgano di 26 anni. Nato in Tagikistan, sin da piccolo ha vissuto in Canada con la sua famiglia. Hoshang è un centrocampista che gioca per l’AS Blainville, squadra campione della Ligue du Quebec. Lo abbiamo intervistato circa la sua carriera e la sua bellissima storia.

ENGLISH VERSION

Sei nato in Tagikistan da genitori afgani e successivamente ti sei trasferito in Canada. Puoi raccontarci la tua storia?

Sì, sono un afgano nato in Tagikistan. I miei genitori sono nati in Afghanistan, così come i miei 4 fratelli maggiori e mia sorella maggiore. Nel 1992 iniziò una guerra in Afghanistan e nel 1994 lasciammo il Paese. Mia madre era incinta di me quando abbiamo lasciato il paese nel 1994 per il Tagikistan, dove sono nato. La mia famiglia aveva una bella vita in Afghanistan, qualche volta i miei fratelli e sorella maggiori mi raccontano storie su come vivevano lì e su come tutto era prima della guerra e non ci posso credere. Abbiamo avuto una vita davvero bella e con la guerra abbiamo perso tutto. Non è stato facile per la famiglia lasciare tutto ciò che avevamo, ma non avevamo scelta. In Tagikistan non è stato facile, abbiamo lottato e abbiamo dovuto guadagnarci da vivere in un nuovo paese. Restammo lì per quattro anni e finalmente arrivammo in Canada. Sono davvero grato ai miei genitori  che ci hanno fatto andar via dalla guerra e ci hanno poi portato in Canada. Sono stato fortunato perché ero giovane e non capivo cosa stesse succedendo in quei tempi, ma ora che me ne rendo conto sono davvero grato ai miei genitori.

Come ti sei appassionato al calcio?

Quando ero giovane, i miei fratelli maggiori giocavano a calcio molto con i loro amici. Li guardavo giocare, erano più grandi di me e giocavano duro così non mi lasciavano giocare perché non volevano che mi facessi male. Un giorno mi permisero di unirmi e nel momento in cui toccai la palla ho sentito di aver trovato l’amore della mia vita. Li ho dribblati, ho segnato gol, mi sono divertito moltissimo e da allora non ho mai smesso di giocare. La mia passione è iniziata davvero a cinque anni per le strade di Chomedey in Canada.

Come ricordi le tue esperienze al Montreal Impact e al Metz? Hai giocato anche con il giovane Sadio Mane, come è stato?

A 15 anni ho avuto il mio primo allenamento con il team di riserva dei Montreal Impact, il cui nome allora era Attack de Trois-Riviere. È stata una bellissima esperienza e  ho avuto l’opportunità di andare in Europa. Avevo diciotto anni quando sono andato all’FC Metz e mi sono allenato con la squadra di riserva. Per me è stata un’esperienza straordinaria. La maggior parte dei giocatori, se non tutti, giocavano con la propria squadra nazionale, alcuni hanno poi giocato in grandi club come il Chelsea, il Barcellona. Ho imparato così tanto che sembra roba da matti. Tra i momenti migliori ricordo il tempo trascorso con l’uomo “Sadio Mané”. Ho avuto la fortuna di aver passato un bel po ‘di tempo con lui e ho imparato molto e non è una coincidenza ciò che ha ottenuto finora nel calcio. Sii capiva che sarebbe diventato un grande giocatore. Sadio è stato fantastico con me e mi ha insegnato molte cose sul calcio.

Attualmente giochi con l’As Blainville della Ligue du Quebec con il quale hai vinto numerosi campionati. Qual è la tua forza?

La mia forza è la mia mente. Non lascio che le situazioni stressanti mi raggiungano, mi mantengo calmo in ogni momento e so cosa ci si aspetta da me e mi preparo alla consegna.

Come è stata la tua esperienza nella Canadian Championship?

Ho partecipato due volte alla Canadian Championship e quest’anno ho ottenuto la terza partecipazione. La adoro, ogni squadra vuole vincere e ogni giocatore vuole giocare quella competizione. La qualità è ottima, l’intensità è alta e i migliori giocatori del Canada ci stanno giocando, quindi è un ottimo modo per mettersi alla prova a quel livello. Personalmente ho scoperto di avere le capacità per giocare a quel livello e il meglio deve ancora venire.

Cosa ne pensi della Canadian Premier League? In quale squadra vorresti giocare? Quale città del Quebec pensi possa far parte della Lega?

Penso che sia un ottimo modo per sviluppare il calcio in Canada. Non era normale che il Canada non avesse una lega professionistica. C’è la MLS, ma ci sono solo tre squadre canadesi e questo non è abbastanza per lo sviluppo di questo sport. Ci sono molti grandi giocatori qui e, sfortunatamente, non hanno molto modo di essere visti. Ora con la Canadian Premier League, ci sono più opportunità. Non ho nessuna squadra dove io preferisca giocare. Se dovessi mai giocare in CPL, non importa in quale squadra perché so cosa porto sul tavolo e e il team potrà trovarne giovamento. Penso che sia Quebec City o Laval che potrebbero avere una squadra nella Canadian Premier League.

Cosa ne pensi della Major League Soccer e della USL?

Per me, questi sono grandi campionati che aiutano a migliorare il calcio in Nord America. Dall’inizio di quei campionati ad oggi, sono stati fatti molti miglioramenti. Grandi giocatori europei vengono a giocare, allenatori da tutto il mondo vengono per migliorare il gioco. Non sono allo stesso livello delle leghe europee, ma sta migliorando il calcio in Nord America e questo è il fattore più importante.

Sei stato convocato per alcune partite con la Nazionale dell’Afghanistan. Che cosa hai provato?

Non si può esprimere quella sensazione, è un mix di così tante emozioni allo stesso tempo che è indescrivibile. devi viverlo per capire. Come l’amore, puoi provare a descriverlo, ma è vivendolo che capisci. Inoltre, sono stato davvero orgoglioso e felice per la mia famiglia perché mi hanno supportato in tutti questi anni e hanno sacrificato così tante cose per me e in questo modo posso restituire. Il fatto che ora giochi nella Nazionale, che sono un giocatore della FIFA, è il modo migliore per ringraziarli.

Come descriveresti la squadra?

Una famiglia. Ti unisci ai tuoi fratelli in un viaggio per diffondere l’amore, per regalare grandi ricordi a tutto il popolo afghano in tutto il mondo. Molti afghani non vivono una situazione di vita facile e abbiamo l’opportunità di dar loro gioia vincendo le partite, giocando bene, essendo insieme corpo a corpo lungo questo bellissimo viaggio della vita.

Segui la Afghan Premier League? Hai una squadra preferita?

Onestamente non so molto dell’APL, la differenza di fuso orario è troppo grande ed è difficile trovare un canale per vedere i match, ma sono felice che abbiano una lega che aiuti lo sviluppo di questo sport nel Paese.

Come reputi il livello dei giocatori afgani?

I giocatori afgani della Nazionale sono talentuosi, gran lavoratori, umili e gentili. Giochiamo tutti con cuore e passione. La nostra missione è di portare gioia a tutto il popolo afghano in tutto il mondo con le nostre esibizioni. Certo, non vinceremo ogni partita, ma ciò che conta è la nostra prestazione. È il modo in cui giochiamo e finché giochiamo con cuore e passione il popolo afghano sarà orgoglioso di noi, indipendentemente dal punteggio.

Quanto è importante il calcio per lo sviluppo e la pace in Afghanistan?

Lo sport è un ottimo modo per riunire le persone, per unirci tutti. In Afghanistan ci sono diverse etnie e lo sport è un ottimo modo per collegarci tutti. Ad esempio, nell’attuale squadra nazionale, ci sono afgani di ogni etnia. Siamo una squadra che unifica la nazione, rappresenta la nazione e gioca per la nazione.

Quanto è importante il calcio per le comunità afghane che vivono all’estero?

È un ottimo modo per connetterci tutti. Quando c’è una partita della Nazionale, la maggior parte degli afghani in tutto il mondo lo guarderà e le nostre prestazioni li influenzano. Direi che il calcio è davvero importante per le comunità afghane all’estero perché ci unifica.

Segui il calcio italiano? Hai dei giocatori e delle squadre che preferisci?

Sì, seguo il calcio italiano. Una volta sono venuto in Italia per dei provini e un osservatore del Milan era presente a una mia partita. Mi sono divertito moltissimo in Italia. Mi piace guardare le partite di Serie A. Mi piace la Juventus per i tanti grandi giocatori che ha come Dybala, Douglas Costa, Pjanic, Chiellini e ovviamente Cristiano Ronaldo mentre nel Milan ha militato il mio giocatore preferito, Ronaldinho.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sai Cristiano, è pazzesco quando ripenso ai miei successi. Ho giocato per la Nazionale partecipando alle qualificazioni per i Mondiali 2022 e la AFC del 2023, ho giocato in così tante nazioni, con così tanti grandi giocatori. E all’inizio ero solo un bambino che giocava nella strada di Chomedey, Laval, in Canada, che sognava tutto ciò. Sono così grato per tutto ciò che la vita mi ha dato e lo voglio restituire. Ho creato la mia scuola di calcio “Goal Academy 10”, dove condivido tutte le conoscenze, l’esperienza, la saggezza che ho appreso sul mondo del calcio. Ho imparato molte cose nel modo più duro perché non avevo nessuno che mi insegnasse e voglio essere quella persona che mi è mancata per qualsiasi giocatore disposto a giocare ad alto livello.


 

Commenti

Commenti

Cristiano M. G. Faranna
Giornalista siculonapoletano. Appassionato di MLS, della città di New York e della crescita del calcio in Canada. Info&contatti: cmgfaranna@gmail.com

Leggi anche

Torna su