It’s Called Soccer – s03 ep28 – Season Finale

Siamo arrivati alla fase cruciale della stagione. Sono iniziati i playoff in NWSL, con le due sfide dei quarti di finale che hanno visto Chicago Red Stars e Washington Spirit unirsi a Portland Thorns e OL Reign al turno successivo dopo aver sconfitto rispettivamente Gotham FC e North Carolina, e intanto la MLS ha affrontato il suo Decision Day che si è rivelato esattamente tanto assurdo e folle quanto ci si sarebbe potuti aspettare leggendo le classifiche delle due conference prima dell’ultima giornata. Prima di salutarci, almeno con questa rubrica, fino all’inizio della prossima stagione – la MLS ha annunciato le sue date, e per evitare sovrapposizioni con il mondiale partirà a fine febbraio, quindi ci mancheremo meno del solito!!! – godiamoci l’ultimo episodio della terza stagione di It’s Called Soccer.

#talentwatch

Daryl Dike è andato in doppia cifra per la prima volta da professionista

Ed è un traguardo estremamente importante per un attaccante che ambisce ad essere uno dei volti del futuro dello USMNT. La prima stagione di molte, ci si augura, almeno.

Il primo gol da pro di Zico Bailey

Il classe 2000 ha certamente fatto prendere un bello spavento ai tifosi di Atlanta United

Dovrebbero essere preoccupati in…

California e Texas?

Beh, quantomeno dovrebbero stranirsi, perché le sei squadre della Western Conference che hanno mancato i playoff sono esattamente le sei squadre in rappresentanza, tre e tre, della California e del Texas, unanimemente riconosciuti tra l’altro non solo come degli stati fondamentali per gli Stati Uniti in generale, ma anche come i principali hotbed calcistici del paese grazie alla consistente presenza della comunità ispanica. Molto è andato storto, ma in alcuni casi ci sono delle buone speranze per il futuro, quindi magari preoccuparsi tutti no, però ecco, tenere aperto un occhio, grazie.

Locura Rankings – Partita Ubriaca del Decision Day Edition

Oggi questa rubrica funzionerà in maniera molto semplice. Tutte le partite con qualcosa da dire nella corsa ai playoff in MLS verranno classificate da meno a più pazze.

9 – Vancouver Whitecaps – Seattle Sounders 1-1

Weirdness Factor: Non tantissimo tbh, diciamo quello che sarebbe potuto essere con risultati particolari su altri campi

8 – Nashville SC – New York Red Bulls 1-1

Weirdness Factor: La speranza fino all’ultimo secondo che un gol di Nashville potesse riaprire tutto ad Est per DC United e Columbus

7 – CF Montreal – Orlando City 0-2

Weirdness Factor: Un rosso e un gol pazzesco

6 – Toronto FC – DC United 1-3

Weirdness Factor: Il fatto che per un po’ Toronto sembrava poter replicare lo scherzetto fatto ad Atlanta

5 – New York City FC – Philadelphia Union 1-1

Weirdness Factor: Un rosso assurdo per Zelalem nei primissimi minuti di gara

4 – Colorado Rapids – LAFC 5-2

Weirdness Factor: Sette gol. Dovrebbe bastare.

3 – FC Cincinnati – Atlanta United 1-2

Weirdness Factor: Lo spavento che si sono presi ad Atlanta al gol di Zico Bailey

2 – Sporting Kansas City – Real Salt Lake 0-1

Weirdness Factor: Non succede letteralmente nulla per novanta minuti poi arriva un gol su assist in rovesciata di un centrocampista capace di finire la stagione tra i primi marcatori della lega che regala i playoff all’ultimo secondo ad una squadra che a metà stagione ha perso il suo allenatore andato a fare il vice sulla panchina della franchigia che adesso i suoi ex calciatori dovranno sfidare ai playoff. Da sola quella giocata vale il salto dall’ultimo al secondo posto.

1 – Los Angeles Galaxy – Minnesota United 3-3

Weirdness Factor: Da 2-0 a 2-2 a 3-2 a 3-3, con un autogol, un intervento del VAR, una rimonta rapidissima, una sostituzione nel primo tempo non per infortunio, insomma, un bel casino, anche se a dir la verità praticamente in nessun momento la partita da sola sarebbe bastata per cambiare il quadro dei playoff.

Considerazioni non richieste

Columbus è la miglior squadra di sempre a mancare i playoff

Ad inizio stagione in molti, sottoscritto incluso, dicevano che i campioni in carica si erano rafforzati. Io, almeno personalmente, mi mantengo della stessa opinione. La squadra era più forte, a livello di uomini almeno, rispetto a quella campione dello scorso anno. Ma non tutto è andato bene, anzi, se possibile tutto quanto è andato male. E a questo punto uno potrebbe iniziare a pensare che sia endemico per le squadre di Caleb Porter, visto che l’unica altra franchigia in grado di non qualificarsi ai playoff l’anno dopo aver vinto la MLS Cup sono proprio i Portland Timbers di Porter nel 2016. Comunque, difficile pensare ad un suo addio. La costruzione di questo progetto vincente a lungo termine, in grado di competere per anni, prevede anche la presenza dell’ex Akron. E dunque da lui si dovrebbe ripartire nel 2022.

Il feud della settimana

Casey Murphy vs Aubrey Bledsoe

Spirit-Courage sarebbe potuta finire 5-4, eppure si è limitata ad essere nei regolamentari lo 0-0 più divertente da anni a questa parte, venendo decisa solamente da una rete nei supplementari. Il merito è delle due guardiane, insuperabili in entrambi i casi, capaci di giocare ad un livello altissimo e di scambiarsi parate senza senso lungo tutta la partita. Esce vincitrice Bledsoe, e non solo per il risultato sul campo.

LA FOTO DELLA SETTIMANA

Sì, esatto, avete capito bene. Per onorare Kyle Beckerman a Real Salt Lake sono riusciti non si sa bene come – a meno che non siate esperti in materia, ovviamente – a dipingerlo sul terreno di gioco. Una roba incredibile.

Cosa succederà?

Chicharito Hernandez sta protestando per un fallo di mano in area di rigore. Come terminerà la sua protesta?

A) L’arbitro fischierà fallo
B) L’arbitro lascerà correre
C) Chicharito se ne fregherà e in mezzo secondo si coordinerà per segnare in mezza rovesciata

La risposta esatta è, anche se so che è difficile crederlo, C)

Fun Fact

Finalmente è arrivato il primo gol a livello di club di Miles Robinson

Qualche mese dopo il suo primo gol in nazionale, tra l’altro quello decisivo per la vittoria della Gold Cup da parte degli Stati Uniti

La domanda (e forse risposta) della settimana

Gotham diventerà la squadra di Midge Purce?

Dovrebbe esserlo? Dopo che la sconfitta contro Chicago ha chiuso non solo la stagione ma anche la carriera di Carli Lloyd io direi certamente di sì, ma azzarderei anche che lo sarebbe dovuta diventare almeno già da questa stagione. Lo diventerà effettivamente? Credo proprio di sì, perché calciatrici del genere non passano tutti i giorni e se il potere attrattivo della NWSL si sta riducendo allora ciò che si ha a disposizione meglio non farlo sfuggire.

MVP della settimana

Andi Sullivan

Zero gol ma prestazione maiuscola sul campo per la centrocampista di Washington. Praticamente ovunque in campo in qualsiasi momento e quasi perfetta in fase di possesso. Occhio anche a lei in questi playoff.

MVP romantico della settimana

Wondo

Ovviamente, e non sarebbe potuto essere altrimenti. Il miglior marcatore nella storia della MLS ha annunciato il suo ritiro al pubblico del PayPal Park al termine della partita contro FC Dallas in cui ha segnato il suo centosettantunesimo e ultimo gol nella lega. Certo, che questa serata si sarebbe conclusa così lo si poteva capire da quando è entrato in campo accompagnato dalle figlie, ma alla fine, come ricordato anche da lui stesso, questo è il modo giusto per uno come lui per andarsene. Sul campo. Tra il pubblico che lo ha amato. Non sto piangendo. Non state piangendo.

Best Save della settimana

Audrey Bledsoe

Dicevamo che Bledsoe ha battuto la rivale Casey Murphy non solo sul campo, ma anche dal punto di vista stilistico, questa è la parata migliore di quella che è stata una masterclass nel come usare i guantoni.

I migliori gol della settimana

Il primo gol stagionale di Jhegson Mendez

Come si dice, meglio tardi che mai. Ma che diavolo di botta ha tirato fuori?

Josef si mette in proprio e porta a spalle Atlanta ai playoff

Ok, adesso qualcuno mi deve spiegare come si fa ad angolare un pallone così da quella posizione perché io proprio non ne ho idea ma zero carbonella.

Cole Bassett mette la ciliegina sulla torta dei Colorado Rapids

I Colorado Rapids sono il primo seed della Western Conference. I COLORADO RAPIDS. Chi lo avrebbe mai detto? Ad inizio stagione pochi. Intanto Cole Bassett continua ad inseguire il sogno di portare la MLS Cup alla sua squadra del cuore. E lo fa così.

I migliori assist della settimana

L’angolo impeccabile di Gressel

Vorrei trovare una similitudine migliore per questi cross che definirli “telecomandati” ma è anni che ci provo e intanto questo continua a telecomandarli come fossero droni. A questo punto mi sa che mollo e continuo a definirli “telecomandati”

Metanire trova Hunou

Un passaggio preciso in contropiede. Importante, e puntuale al momento giusto. Come confermato dal VAR, pochi centesimi di secondo dopo e sarebbe stato probabilmente fuorigioco.

La rovesciata di Justin Meram

Sì, lo so, era un tiro. Non dovrebbe valere come assist o almeno non dovrebbe prendere punti stilistici se l’intenzione era un’altra. Però sticazzi perché le regole sono le mie e le decido io. E io il momento più iconico di questo Decision Day voglio inserirlo da qualche parte.

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.