It’s Called Soccer – s03 ep14

Ormai sapete qual è l’antifona, tanto che quella che state leggendo è un’intro che si ripete uguale identica in tutte le puntate: ogni settimana nel mondo del calcio americano succedono cose particolari, strane, incredibili, divisive, divertenti, curiose, inspiegabili, folli e chissà quanti altri aggettivi. E questa rubrica, come sempre ormai da qualche stagione, arriva il lunedì per aggiornarvi su quanto successo e per mettervi in ordine una quantità confusionaria e numerosa di dati e eventi. Ormai, forse, avete capito anche come si chiama. Nel caso contrario ve lo ricordo almeno per un’altra volta, dandovi il benvenuto al nuovo episodio di It’s Called Soccer.

#talentwatch

Cole Bassett

Un gol importante, che salva il pareggio dei suoi che partivano da una posizione di svantaggio.

Ancora Trinity Rodman

Abbiamo altro da dire oltre a “quanto cazzo è forte”? Ah sì, vi ricordiamo che proprio di Rodman si è parlato su queste frequenze poco tempo fa (https://www.mlssocceritalia.com/2021/07/10/trinity-remember-the-name/) – ve lo prometto, non citerò l’articolo ad ogni suo gol, solo al primo dopo la pubblicazione, state tranquilli.

Dovrebbero essere esaltati a…

Montreal?

Sì. Al di là della partita pazza che li ha visti protagonisti questa settimana, in cui comunque hanno dimostrato una grande forza d’animo e una capacità di resistere nelle condizioni più difficili, Wilfried Nancy ha fatto un lavoro eccellente in questa prima parte di stagione, e non a caso si è meritato dopo poche gare il rinnovo di contratto anche oltre questo 2021, dando tutta un’altra stabilità alla sua panchina. Forse la vera sorpresa – in positivo – di questa stagione.

Locura Rankings

5 – Il digiuno di Minnesota contro Seattle nel calcio

Non una statistica assurda, considerando che per molto tempo le due parti d’America non si sono incontrate vista la presenza dei Sounders in MLS, ma questa statistica vuol dire anche che prima di ieri Minnesota United non aveva mai battuto Seattle nelle sue sei stagioni nella lega. Ed è una vittoria che fa rumore, perché è la prima stagionale dei Sounders, che chiudono così a quattordici le loro partite con punti consecutive

4 – Il pasticcio di Louisville

Quando Louisville aveva strappato a zero da FC Dallas Jonathan Gomez, uno dei migliori prospetti dello USMNT la scelta era stata applaudita come molto intelligente. Gomez non voleva firmare con Dallas così da potersi scegliere la propria destinazione professionistica, e in Louisville ha trovato una squadra in grado di ospitarlo in attesa dei diciotto anni in cambio di un potenzialmente notevole ritorno economico. Peccato che l’agente del ragazzo avesse spinto per inserire una clausola che gli rendeva possibile liberarsi a zero al termine della stagione nella quale il tecnico John Hackworth fosse stato licenziato. La squadra USL deve essersi dimenticata di questa clausola, e così qualche mese dopo il licenziamento di Hackworth dopo la prima giornata di campionato, Gomez sembra aver trovato un accordo con la Real Sociedad a parametro zero.

3 – I quindici minuti di Kappelhof

Prima regala letteralmente un pallone a Mukhtar per il suo primo gol con una disattenzione in costruzione senza neanche essere pressato, poi si fa espellere per chiara occasione da gol regalando a Nashville la punizione con cui proprio Mukhtar completerà la sua tripletta in sei minuti. Un disastro. Povero ragazzo.

2 – Il rapporto tra Red Stars e autogol

Prima che la rete di Mal Pugh intervenisse a fermare questa striscia positiva con il definitivo 3-1 contro OL Reign, Chicago aveva realizzato cinque reti consecutive, incluse tutte le sue due nell’incontro della scorsa settimana, grazie ad autogol avversari. Grazie a questo exploit, al momento “Own Goal” è il capocannoniere della NWSL.

1 – L’espulsione del traduttore di Almeyda

Duro mestiere quello del traduttore, specialmente se vieni accompagnato ad un allenatore di calcio. Lo sanno bene i collaboratori greci di Alberto Malesani e Rino Gattuso – nonché i professori di tedesco di Giovanni Trapattoni – ma lo sa bene anche il collaboratore di Matias Almeyda, che nell’ultima partita è stato espulso dall’arbitro per aver utilizzato termini ingiuriosi. Peccato che quei termini non fossero altro che la traduzione letterale di quanto affermato in spagnolo dal tecnico di San José.

Premio della critica alla Partita Ubriaca della settimana

CF Montreal – FC Cincinnati

Una partita che è una collezione di cose assurde anche al di là del risultato: La prima partita di Montreal in casa in oltre un anno e mezzo, i due gol di Brenner, uno su errore di Pantemis e l’altro con un mezzo colpo di tacco mezzo tiro di piatto, le due rimonte da 2+ gol di Montreal, e già che ci siamo un calcio di rigore che in queste partite pazze non sembra mancare mai.

Considerazioni non richieste

Per dovere di trasparenza la NWSL dovrebbe essere più chiara sul licenziamento di Alyse LaHue

Mi rendo conto che l’argomento è delicato, visto che come riportato da Meg Linehan l’addio di LaHue, la General Manager che ha rivoltato le sorti delle fu Sky Blue gestendone il rebrand in Gotham FC, è legato a una violazione della Anti-Harrassment Policy della NWSL, e quindi esiste probabilmente una vittima che andrebbe protetta, ma a maggior ragione se la causa scatenante fosse così grave potrebbe essere importante rendere pubbliche queste situazioni così da fare in modo non accadano più, ovviamente proteggendo sempre l’identità della/e vittima/e.

Il feud della settimana

Josef Martinez vs Gabriel Heinze

Josef si è allenato da solo questa settimana per decisione del tecnico. Ha poi annunciato alla franchigia che questa sarà la sua ultima stagione ad Atlanta. Il fuoco sembrava essere rientrato con Martinez accolto di nuovo all’interno degli allenamenti di squadra, ma in giornata è arrivato l’esonero di Heinze. Un duello che sembra essere molto più profondo di quanto possa sembrare adesso e che deve ancora vedere scritte molte pagine, nonostante sia tecnicamente materia del passato, per quanto prossimo.

Cosa succederà?

In questa foto potete vedere Adam Buksa steso a terra nell’area di Atlanta United. Il pallone è nascosto proprio dalla silhouette dell’attaccante polacco. Cosa sta per accadere?

A) Buksa si rialzerà indisturbato e servirà a Bou l’assist dell’1-0

B) L’arbitro fischierà rigore

C) Buksa riuscirà a segnare ingannando Alec Cann con un rimbalzo fortunoso della palla

Fun Fact

Lucas Zelarayan ha già battuto il record di gol su punizione diretta in singola stagione per Columbus

E siamo a quota quattro in stagione. Il primo nella nuova casa dei Crew. Non so quale sia il record in MLS ma immaginerei possa tranquillamente essere stracciato in questa stagione.

La domanda (e forse risposta) della settimana

I tifosi di Toronto FC si sono risvegliati nostalgici?

Prima partita in sedici mesi in casa in Canada e con il pubblico, rientro di Jozy dopo le difficoltà con Armas e prima rete in mesi per Jozy Altidore. Sembrano tornati i bei vecchi tempi a Toronto. Chissà se dureranno.

MVP della settimana

Hany Mukhtar

A fare da contraltare ai quindici minuti orripilanti di Kappelhof ci sono quelli eccezionali del DP di Nashville. Tripletta in appena sei minuti, la più veloce nella storia della MLS, resa unica da un grandissimo calcio di punizione. Due prestazioni che hanno evidentemente indirizzato per strade molto differenti i destini delle squadre protagoniste di questo 5-1

MVP romantico della settimana

Il social media manager di Indy che percula Louisville

Oggettivamente, l’erroraccio di Louisville è troppo brutto e assurdo per non essere sfruttato ironicamente da un simpatico smm. Quello di Indy in questo caso si prende il meritato spazio per la presa in giro.

Best Save della settimana

Ochoa su Vela

All’interno di una partita eccellente del giovane conteso tra USMNT e Messico, il portiere trova il modo anche di parare un rigore a Vela, che si era pure messo in testa di tirarlo bello angolato. Raramente i rigori arrivano in questa rubrica, ma questo merita assolutamente. Certo. Poi Vela si è preso la sua rivincita…

I migliori gol della settimana

Sì, è proprio divertente vedere Carlos Vela giocare

Dicevamo della rivincita che si è preso su Ochoa. Una giocata pazzesca, di un giocatore divertentissimo che potrebbe tirare fuori un colpo del genere ad ogni azione. Era mancato tantissimo alla MLS il miglior Carlos Vela.

La punizione di Sanchez

In una giornata sfortunata caratterizzata da un’espulsione molto presto nell’incontro, almeno Washington ha trovato due gol pazzeschi. Dopo Rodman, ecco Ashley Sanchez.

La decide Ebobisse per Portland

Nel finale di una partita tesa, il classe 1997 risolve forse definitivamente il duello tra chi lo vorrebbe sulla fascia e chi lo ritiene più utile come punta, schierandosi in favore dei secondi.

I migliori assist della settimana

Vazquez inventa per Raveloson

Sono anni che il pubblico MLS è abituato a queste giocate. Victor Vazquez dipinge calcio. Sempre. E in questo assist replica il suo spettacolo.

Come con un passaggio ti taglio fuori un’intera difesa portiere incluso

Da questa inquadratura si vede anche meglio: con un semplice passaggio Brian White ha ingannato quattro difensori dei Galaxy in intervento disperato e un portiere, regalando di fatto la vittoria ai suoi Whitecaps grazie ad un comodo tap-in

Arjen Robben non lo avrebbe mai fatto

Chi ha visto Paesi Bassi-Spagna 5-1 ai mondiali 2014 lo sa. Quando l’esterno neerlandese, che in settimana ha annunciato il ritiro dal calcio giocato, si ritrova in una situazione come quella di Sergio Santos, scordatevi possa passare la palla. Lo sa bene Georginio Wijnaldum. Il giocatore degli Union, invece, già finito sul tabellino dei marcatori, regala a Przybylko la possibilità di decidere la partita.

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.