It’s Called Soccer – s03ep13

Ormai sapete qual è l’antifona, tanto che quella che state leggendo è un’intro che si ripete uguale identica in tutte le puntate: ogni settimana nel mondo del calcio americano succedono cose particolari, strane, incredibili, divisive, divertenti, curiose, inspiegabili, folli e chissà quanti altri aggettivi. E questa rubrica, come sempre ormai da qualche stagione, arriva il lunedì per aggiornarvi su quanto successo e per mettervi in ordine una quantità confusionaria e numerosa di dati e eventi. Ormai, forse, avete capito anche come si chiama. Nel caso contrario ve lo ricordo almeno per un’altra volta, dandovi il benvenuto al nuovo episodio di It’s Called Soccer.

#talentwatch

La prima rete in MLS di Jackson Conway

Un gol decisivo per garantire il pareggio ai suoi contro Nashville. Un momento perfetto per trovare la via della rete.

Sempre più Ebony Salmon a Louisville

Arrivata poche settimane fa dall’Inghilterra, in cui aveva appena terminato la stagione di FA Women’s Super League, Ebony Salmon ha rotto la NWSL nelle sue prime partita. Incredibile pensare sia ancora una classe 2001.

Dovrebbero essere esaltati a…

Chicago?

Non saprei. Vincere una partita grazie a due autogol è una cosa di cui ti dovresti esaltare, una cosa di cui ti dovresti dispiacere? Non saprei. Non so cosa rispondere. Aiuto, sono in crisi.

Locura Rankings

5 – Il cast di Better Call Saul a New Mexico

Così. De botto. Senza senso.

4 – Il mistero della maglia di Ruidiaz

Quando il peruviano ha segnato la rete del 2-0 definitivo, c’era una cosa strana nella sua maglia: non c’era il nome né il numero. Perché? La soluzione è semplice: una ferita alla testa ricevuta poco prima aveva macchiato la maglia di Ruidiaz, costringendolo al cambio.

3 – Il gol di Perea

Un pasticciaccio brutto quello della difesa di Chicago nella rete di Andres Perea che ha mandato in vantaggio Orlando.

2 – Questo tifoso dei Galaxy

Le avete contate quante maglie si è tolto di dosso?

1 – La trade di Portland

Peak MLS. Qualche tempo fa, Portland ha ceduto un international roster spot a Cincinnati, con un accordo tra gentiluomini che se lo slot non fosse stato utilizzato, Portland avrebbe potuto riacquistare lo slot a metà prezzo. E Portland ha ripreso lo slot, per poi cederlo, al doppio del prezzo, a Nashville, che lo ha usato per acquistare il suo nuovo DP, Ake Loba.

Premio della critica alla Partita Ubriaca della settimana

New England vs Toronto

Teoricamente, quando una squadra caccia il proprio allenatore, è più facile la partita dopo subisca tre gol nel primo tempo piuttosto che realizzarli. E invece qua è andata al contrario. Già questo basterebbe, ma non solo. Perché i Revs vanno vicini alla rimonta, ma non riescono a chiuderla. Il sogno di ogni scommettatore proprio.

Considerazioni non richieste

Vela to Rossi non era mai mancato così tanto a lungo per LAFC

Adesso non so i numeri precisi, ma sono tantissimi i mesi di assenza. Sicuramente da prima degli scorsi playoff. Raramente nella breve storia di Los Angeles FC questa coppia non aveva fatto esplodere la MLS.

LA GIF DELLA SETTIMANA

NUMEROOOOOOOOO

Il feud della settimana

Columbus in dieci uomini vs Cincinnati in undici

Mentre la partita era in equilibrio di uomini non c’era stata storia, con Cincinnati in un raro vantaggio 2-0 contro i rivali. Poi l’espulsione ha cambiato del tutto la partita. Eppure è andata al contrario di come si sarebbe potuto immaginare.

Cosa succederà?

Come reagirà Matt Freese al passaggio forse un po’ corto ricevuto dal compagno?

A) Sbaglierà il dribbling, commetterà fallo e verrà espulso
B) Sbaglierà il dribbling, subendo il gol dei Red Bulls
C) Indovinerà il dribbling

Fun Fact

Nessuno in MLS era mai partito meglio dei Sounders

Tredici gare imbattuti per i Sounders. Pure in una stagione in cui teoricamente avrebbero dovuto faticare per l’assenza di Morris e il cambio di sistema. Brian Schmetzer è un mago.

La domanda (e forse risposta) della settimana

Quanto diavolo è alto questo guardalinee?

Scherzo, in realtà è Maxi Moralez che è molto basso. Ma volevo ricordarvi che esiste. Vi ricordate Maxi Moralez? L’uomo reso molto più famoso da Buffa che dalle sue – comunque buone – prestazioni in Serie A? Sta bene. Vi saluta.

MVP della settimana

Bethany Balcer

Una doppietta fondamentale per la vittoria delle Reign.

MVP romantico della settimana

Andre Shinyashiki e l’auto-assist

Voluto o non voluto? Chiaramente non voluto. Era un passaggio. Però non si butta via niente quanto possibile.

Best Save della settimana

Bobby Shuttleworth

Il colpo che salva la partita e che regala una vittoria fondamentale ai Fire.

I migliori gol della settimana

il tiraggir di Brian Galvan

Scusate, abbiamo vinto gli Europei ieri sera. Dovrò pur dire qualcosa.

L’altro tiraggir di Tsubasa Endoh

Ok, vi prometto che la smetto.

L’opposto del tiraggir di Lucas Zelarayan

OK OK ADESSO BASTA SCUSATE QUESTA ERA PROPRIO GRATUITA, però è vero che è l’opposto perché è andata veramente dritta come un fuso.

I migliori assist della settimana

Riecco Jesus Ferreira

Da fermo, un lancio precisissimo per Franco Jara. Ecco la classe di cui può fregiarsi il figlio di David.

La discesa di Luciano Acosta

Difficile essere più freschi di così, la partita era letteralmente appena iniziata. Ma comunque ecco perché a Cincy hanno speso un bel po’ di soldi per riportarlo in MLS

La giocata pazzesca di Andi Sullivan

Il livello del centrocampo dello USWNT è tutto in questo video: Andi Sullivan non è partita per Tokyo. Questa calciatrice qui. Quella che ti fa una discesa spaventosa e poi ti serve un passaggio del genere. Non è tra le prime 6 centrocampiste. Pazzesco.

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.