Galderisi ricorda gli anni in MLS: “Esperienza unica e Valderrama…”

Negli ultimi anni i giocatori italiani in MLS sono sempre stati protagonisti. Dalla MLS Cup di Giovinco con Toronto all’esperienza al NYCFC di Andrea Pirlo, passando per l’amico di MLSSoccerItalia.com Paolo Tornaghi tra Chicago e Vancouver, poi il “portiere dell’anno” Vito Mannone a Minnesota e Antonio Nocerino a Orlando nonché Mancosu a Montreal. Giocatori che, per motivi diversi, hanno scelta l’America nel momento in cui il soccer è in forte crescita dopo la fase da campioni a fine carriera scelta anche dai vari Nesta, Corradi e Di Vaio sempre a Montreal.

C’è anche chi la storia del nuovo soccer, quello rilanciato nel 1996 con la Major League Soccer e con il Mondiale di Usa ’94, l’ha voluta fare all’inizio. Stiamo parlando di Walter Zenga, Roberto Donadoni, Caricola e Giuseppe Galderisi. Proprio l’ex attaccante di Juventus, Verona e Milan tra le altre ha parlato dei suoi anni in MLS, nel 1996 e nel 1997, nella diretta twitch di Calciomercato.com.

Galderisi ha ricordato quei momenti tra New England Revolution e Tampa Bay Mutiny agli albori del soccer: “Bellissima esperienza. Ero ancora giovane, avevo 32 anni, ero nel pieno delle mie forze e della mia carriera. E’ stata un’esperienza meravigliosa, grazie ad Alexi Lalas, che ha giocato con me a Padova. Una sera mi chiamò: ‘La Mls riprende, dopo tanti anni, a marzo. Vieni con me?’. Era il ’96, prima di dicembre, lui era l’uomo immagine. E ho fatto una scelta meravigliosa”.

Scelta che lo ha portato a vestire la maglia dei New England Revolution proprio insieme all’ex compagno al Padova, Alexi Lalas: “Ho vissuto a Boston, giocavo per i New England Revolution, ma le cose non andavano benissimo. E poi sono andato a Tampa Bay. Perfetto, per il clima un affare. Come passare da Torino a Catania, due mondi opposti. Mi sono divertito. Avevamo una grandissima squadra: Thomas Rongen come allenatore, che ora è uno showman, e poi c’era Carlos Valderrama“.

Il campione colombiano è un’icona ricordata in tutto il mondo sia per il talento che per quella capigliatura inconfondibile che proprio a Usa ’94 lo rese ancora più celebre: “Ogni volta che lo vedevo giocare dall’Italia pensavo ‘Ma va a due all’ora’. E in effetti andava a due all’ora, però quando giocava dietro me e Roy Lassiter, che poi andò al Genoa, ci mandava in porta. Io cercavo la testa bionda, gli davo la palla e mi muovevo di conseguenza. E la palla mi tornava con il contagiri. C’era anche Steve Ralston, tra i giocatori più forti d’America all’epoca. Perdemmo in semifinale con DC United. Ma fu un’esperienza unica, una cultura completamente diversa e avevo pensato anche di prendere la green card. E con Zenga, poi iniziai a fare l’allenatore: lui allenatore giocatore, io in seconda. E iniziai con lui”.

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.