Autore: ANDREW ZWARYCH Copyright: ANDREW ZWARYCH

Intervista esclusiva con il ds di Philadelphia Union: Ernst Tanner

Un Supporters’ Shield fresco di conquista nella MLS 2020; due cessioni eccellenti in Europa come Aaronson al Salisburgo e McKenzie al Genk, due società che per crescere e far sbocciare i talenti nel Vecchio Continente sono una certezza. Poi una squadra giovane e competitiva in MLS, frutto della pazienza con la quale si stanno crescendo i talenti dell’Academy e non solo. Philadelphia Union si sta velocemente trasformando in un modello da seguire in MLS e buona parte del merito arriva anche dal lavoro del direttore sportivo Ernst Tanner, dirigente che ha indicato la via e utilizzato le risorse per crescere i talenti del futuro piuttosto che investirli su Designated Players o ragazzi dal SuperDraft. Proprio dalla scelta, dichiarata e condivisa, di non puntare sui migliori talenti del college è iniziata la nostra intervista esclusiva con Ernst Tanner, ds degli Union.

Ha esplicitamente dichiarato di avere zero interesse per l’MLS SuperDraft. Potrebbe spiegarci la sua posizione?

Tutto è iniziato quando sono venuto a Philadelphia e ho valutato la nostra squadra; lì ho visto un paio di giocatori che non erano letteralmente abbastanza bravi da meritare la conferma nel roster. Ho chiesto ai nostri giocatori e agli allenatori chi fossero quei ragazzi e mi dissero che erano le scelte al Draft. Quindi dissi che non aveva senso avere questi giocatori nel roster, e avrei preferito prendere un paio di giovani giocatori della U19 perché avevano più potenziale di sviluppo.

Così è iniziato tutto, poi siamo andati all’MLS Combine di Orlando per valutare i giocatori e feci un’altra domanda: “Se mettessi Brandon Aaronson e Mark McKenzie, in questo ambiente, come li valutereste? E mi dissero “Probabilmente scelte 1 e 2”, e in quel momento erano 3-4 anni più giovani di tutti. C’erano solo i giocatori Generation adidas. All’epoca avevamo la tredicesima scelta e c’erano solo 8-9 giocatori Generation adidas, quindi la possibilità di ottenerne uno era a zero, questa era la ragione per cui abbiamo cercato di vendere le nostre scelte, e per fortuna abbiamo trovato Cincinnati. Tra quei cinque, la maggior parte è finita in USL o non ha giocato affatto.

Pensi che MLS SuperDraft durerà solo un paio d’anni o rimarrà a lungo? E’ più marketing per i college rispetto alla qualità effettiva dei giocatori, giusto?

Grazie, hai già risposto! Noi possiamo contare sui nostri giocatori sviluppati nell’Academy, e in più da ogni scelta che scambiamo recuperiamo Allocation Money: a me non piace da false speranze ai ragazzi. Siamo chiari con loro, abbiamo una buona academy, proviamo a portarli da noi per uno stage così che possano decidere se mollare o continuare. Se non siamo sicuri delle qualità del giovane giocatore, gli consigliamo di provare la via del college e collaboriamo con diverse università in cui conosciamo i coach che applicano programmi simili al nostro.

C’è sempre la possibilità che il ragazzo cresca e sia al giusto livello quando è più maturo, sviluppando anche abilità da professionista, ma può anche fare il suo diploma universitario che è molto importante per il futuro. Parliamo sempre di giovani giocatori e nel nostro mondo si sa quanto velocemente possa finire tutto. Anche i ragazzi che vanno tra i pro, con l’apprendimento a distanza hanno la possibilità di ottenere una laurea. È molto importante avere una vita dopo una carriera da professionista. Questo è il modo di pensare da noi all’Union, è stato così negli ultimi 3-4 anni e lo sarà per i prossimi.

Potresti spiegare ai fan italiani qual è il progetto della Philadelphia Union? Dall’Italia lo vediamo come un club che investe molto in giovani giocatori per svilupparsi. L’obiettivo principale è avere una squadra competitiva slegata dal Salary Cap o sviluppare giocatori e dare loro la possibilità di andare in Europa (come Aaronson, McKenzie ecc …)?

Sono molto fortunato a lavorare direttamente con gli allenatori dell’Academy e conoscere il processo di sviluppo, che è anche un processo di apprendimento. Abbiamo sempre avuto giovani giocatori nel roster in passato, ma allo stesso tempo ingaggiavamo calciatori d’esperienza. Voglio dire, questa è anche una sorta di cultura che abbiamo sviluppato negli ultimi due anni. Qui è diverso dall’Europa, dove sei criticato se non stai andando bene, dove combatti per il primo posto, combatti per la qualificazione alle coppe e o per evitare la retrocessione. Qui negli Usa c’è un sistema diverso, una cultura sportiva diversa, ma i risultati arrivano nello stesso modo ovvero se hai la persone giuste con te e se ti fidi dei tuoi giocatori.

Stiamo vedendo più club in Europa per seguire MLS e giocatori americani. In Italia abbiamo McKennie e (forse) Reynolds, avete venduto Aaronson e McKenzie, poi Richards al Bayern… Una partnership (come Dallas-Bayern) è un piano per il futuro dell’Unione? Avete avuto dei contatti al riguardo dall’Europa?

Abbiamo ricevuto alcune richieste al riguardo, ma come vi dicevo mi piace avere più scelta. Non voglio collaborare con un solo club, perché ti limita nel lavoro e ho detto a tutti i ragazzi che puntano al grande salto che possiamo avere più collaborazioni con giocatori e club diversi. Francamente non abbiamo bisogno del trasferimento di conoscenze, quindi non abbiamo bisogno di qualcuno in Europa per vendere i nostri giocatori, perché abbiamo già dimostrato che possiamo farlo. È molto più facile avere più partnership e vendere giocatori a più squadre.

I centri sportivi statunitensi sono tra i migliori al mondo. Qual è l’importanza del Power Training Complex per la U’s Academy e per la città di Filadelfia?

Una buona infrastruttura è la chiave di tutto. Prima di tutto devi rappresentare il tuo club in determinati ambienti. In secondo luogo, se vuoi giocare a un certo tipo di calcio con un determinato stile, hai bisogno di buoni campi da gioco e buone infrastrutture dove poter lavorare. Stiamo pianificando di estendere il complesso formativo, davvero abbiamo maggiori probabilità di portare anche l’U15. In questo momento nel Power Training Complex si allenano prima squadra, seconda squadra e parte dell’U17. Voglio anche avere l’U15 che ci darebbe un enorme vantaggio in termini di essere nello stesso posto seguendo la stessa strategia di formazione e in cui abbiamo anche una buona scuola. Una cosa unica, una delle migliori al mondo. Stiamo solo cercando lo spazio giusto nella struttura per i ragazzi.

Il progetto USL Academy è qualcosa a cui Philadelphia Union è interessata?

Dobbiamo differenziare USL e MLS, sono due diverse organizzazioni e abbiamo deciso di abbandonare il nostro secondo team da USL per diversi motivi e in primo luogo perché la MLS sta lavorando a un altro progetto che ha senso per noi e i nostri giovani. Tra USL e MLS abbiamo barriere diverse, regolamenti diversi, quindi non posso semplicemente trasferire o cambiare o impegnare un giocatore a giocarci ora. C’è anche un problema diverso con il Covid, ma non posso lasciare un giocatore galleggiare tra la prima e la seconda squadra, perché una volta che la seconda squadra gioca in USL, non è permesso, è un casino. Teoricamente se un giocatore disputa la Pre-Season con la prima squadra e poi vogliamo farlo giocare nella seconda squadra in USL, dobbiamo prestarlo per il resto della stagione, puoi immaginare?! Formalmente potevamo fare un prestito a breve termine con il diritto di richiamarlo, ma ora non è più possibile. È un casino! Ci saranno cambiamenti sullo sviluppo dei giocatori in MLS, le novità usciranno presto.

Paxton Aaronson debutterà in MLS 2021? È vero che è potenzialmente migliore di suo fratello?

E’ difficile rispondere alla tua domanda. Paxton è un giocatore diverso, se chiedi a Brendan, ti dirà di sì. Hanno entrambi talento e Paxton è un anno più giovane di Brandon al momento dell’ingresso nella prima squadra. Paxton è più un numero 10 e Brandon è più un giocatore box-to-box. Ci sarà la possibilità di vederlo debuttare a metà stagione.

Sogniamo un po ‘: che ne dici di firmare un DP italiano? Hai avuto qualche contatto in passato con alcuni giocatori italiani o c’è un calciatore italiano che ti piacerebbe firmare se potessi scegliere (attuale o passato)?

Non spendiamo più soldi per i DP, ma li investiamo nell’Academy e nello sviluppo. Inoltre, non è facile mettere un ragazzo con un contratto multimilionario nell’armadietto con qualcuno che guadagna 70k all’anno. C’erano un paio di giocatori interessanti nella Juventus U23, ma in questo momento abbiamo problemi con gli stranieri, da quando la pandemia è iniziata il processo per le green card si è quasi fermato. E ora che abbiamo perso 2 giocatori americani di grande talento è difficile sostituirli.

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.