Pur essendo ai margini del calcio professionistico americano ormai da anni, nonostante Rocco Commisso, i New York Cosmos restano nell’immaginario collettivo come una delle squadre più importanti del Nord America. In giro per il mondo il brand dei Cosmos tira ancora parecchio e non solo per i grandi campioni che nel passato ne ha vestito la maglia, ma perché in tanti – con più o meno ragione – collegano il soccer proprio ai Cosmos. La realtà sul campo però è completamente diversa e parla di un inesorabile declino dei NY Cosmos, imbrigliati tra le difficoltà delle serie minori statunitensi e una battaglia contro la MLS e non solo che non ha portato i frutti sperati, anzi.

Iniziamo con l’aggiornare i più distratti che, anche per ovvi motivi, dopo gli anni con Raul in NASL e i vari titoli vinti e contesi, nonché quello perso da coach Savarese contro San Francisco nell’ultima edizione del campionato, si sono persi via. A oggi i Cosmos fanno parte della NISA, National Independent Soccer Association, la terza serie nella cosiddetta “piramide calcistica” del soccer al pari della USL League One.

Ma è notizia dei primi giorni di gennaio, ancora da confermare ufficialmente da parte del club del Bronx, che anche la partecipazione alla NISA – otto squadre – per il 2021 è in forte dubbio, per usare un eufemismo. Anche se non è ancora stato annunciato dai NY Cosmos, la società del patron della Fiorentina Rocco Commisso sembra intenzionata a prendersi una pausa evitando la partecipazione alla Spring Season per motivi legati alla pandemia di Covid. I giocatori – ma il condizionale è d’obbligo – da quanto filtra dalla Grande Mela sarebbero già stati contattati e avvisati delle intenzioni societarie.

Un ulteriore smacco che mette in luce una crisi senza fine e un declino inesorabile dei NY Cosmos, dei quali rimane solo il brand a ricordare i fasti del passato. Il tentativo di salvataggio di Rocco Commisso e le intenzioni bellicose non hanno portato grandi sterzate nella curva discendente dei Cosmos, con lo stesso italo-americano che – preso dalla Fiorentina – ha via via tralasciato le questioni interne per dedicarsi alla complicata vita da presidente di Serie A.

Insomma, tra progetti campati in aria, stadi disegnati e renderizzati ma mai veramente vicini all’essere concretizzati, cosa ne resterà dei mitici Cosmos è ancora tutto da capire. Ma il futuro, va detto, non sembra promettere chissà quali fuochi d’artificio.

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunzionaliOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnaliticiOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

AltroOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.