Incendi USA: anche la MLS ne paga le conseguenze

Non c’è pace per la MLS (e non solo) in questo 2020.
 
Dopo lo stop per la pandemia di Covid-19 che ha portato perdite ingenti a livello economico alla lega e le manifestazioni di protesta contro un razzismo generalizzato in Usa, c’è un nuovo fattore con cui diverse società devono fare i conti: gli incendi.
 
Dozzine di incendi – dolosi e non – stanno imperversando sulla West Coast, come abbiamo potuto purtroppo notare nell’area intorno a San Francisco. La catastrofe sta assumendo dimensioni pazzesche e i fumi sono arrivati fino all’Europa attraversando l’Atlantico.
 
Una situazione che sta rendendo ancora più difficile lavorare per squadre come Seattle Sounders, Vancouver Whitecaps, San Jose Earthquakes, LA Galaxy e LAFC, ma la situazione più critica al momento è per i Portland Timbers (il Providence Park nella foto).
 
La regione di Portland al momento è considerata “la peggiore sulla Terra come qualità dell’aria” a causa del fumo, della nebbia tossica.
 
Per questo motivo i Timbers ormai da qualche giorno si stanno allenando Indoor costringendo coach Savarese a un lavoro diverso e complicato. Le Thorns (NWSL) invece hanno già rinviato due partite interne.
 

“L’aria è irrespirabile – ha commentato Savarese -. Basta uscire di casa e si sente che è bruciata, c’è un odore intenso di legno bruciato e non è facile respirare. Non c’è modo per cui si possa pensare di allenarsi all’aperto”.


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.