The Locals: la vera anima del tifo di San Diego

Il nostro speciale sui San Diego Loyal non poteva non toccare l’anima pulsante della squadra: i tifosi. The Locals, il primo gruppo organizzato di supporters dei Loyal con i quali ho avuto il piacere di trascorrere un paio di giornate nel mio periodo nella città più bella della California (sì, sono di parte).

Un gruppo aperto a tutti, che approva la diversità e ne esalta il meltin pot di culture, come dimostrano tutte le bandiere esposte in tribuna durante le partite. Rappresentazione della storia di San Diego e della squadra stessa che al proprio intorno abbraccia giocatori proveniente da ogni popolo.

Attivi sul territorio ed entusiasti nell’organizzare eventi, cori, canti, striscioni e ritrovi nelle migliori birrerie artigianali della città (ce ne sono più di 150 solo nell’area di San Diego) i The Locals hanno una forte anima latina, messicana per lo più vista la vicinanza con Tijuana e il Messico, appunto. L’amore per il calcio davanti a ogni cosa, con tanta Premier League nel cuore e non solo.

Il nome scelto dal gruppo dice tutto: “The Locals”. I locali, gente del posto che ha San Diego a cuore e nel cuore. E lo hanno portato anche nel loro logo ufficiale, più carico di significato di quanto possano far pensare colori sgargianti e un cagnolone in bella vista. Nel “crest” c’è davvero un amore profondo per la terra e la tradizione.

Nel cercare la rappresentazione iconica di cosa significhi essere un “locale” nella regione, il board del gruppo hanno voluto includere tutti gli aspetti caratteristici di San Diego: spiagge, montagne, città, deserto, periferia, confine internazionale. Presto però si sono resi conto che sarebbe stato praticamente impossibile inserire tutto in un unico simbolo, allora sono andati oltre.

Essere “Locals” per loro non è solo un luogo fisico, ma è la sensazione che si crea all’interno di un luogo, insieme.  E quel luogo è lo stadio.

“Creiamo la sensazione di essere Locals ritornando più volte dalle stesse persone, alle stesse tradizioni, agli stessi luoghi. Scegliamo di diventare un Local e continuiamo a presentarci, annuendo in segno di riconoscimento (o alzando un bicchiere di birra) quando ci vediamo”. E per il simbolo è stata un’icona della città, il cane Bum.

Un tesoro locale, il primo e unico cane ufficiale della città di San Diego, nel periodo che risale alla fine del XIX secolo. Secondo la tradizione, questo mix di San Bernardo-Spaniel arrivò alle coste della città come clandestino a bordo di una nave a vapore nel dicembre 1886, e divenne molto speciale per le persone che vivevano nella “Finest city” a causa della sua personalità bonaria, la sua mente indagatrice e il suo infallibile senso di cameratismo.

Questo cane della città frequentava una grande varietà di attività commerciali e ristoranti, uno dei quali mise un cartello alla finestra: “Bum mangia qui”, per pubblicizzare la sua affiliazione. E si dice che a Bum in genere venisse data la birra da bere al posto dell’acqua, il che è ciò che probabilmente ha portato alla lotta poco saggia con un cane rivale sui binari del treno, con conseguente perdita della zampa anteriore destra.

Nelle tonalità verde Torrey e arancione vibrante per riflettere i colori del Loyal Soccer Club di San Diego, è stato virtualmente regalato all’amato Bum un pallone da calcio vintage con cui giocare alla luce del tramonto. Un logo e un’immagine simbolo per marciare insieme allo stadio per tifare la squadra.


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.