Analizzare, capire, interpretare e spiegare quanto succede sui campi della MLS non è sempre semplicissimo. Tra trasferte infinite, campi in sintetico, turnover massiccio e qualche punto lasciato per strada in maniera scientifica per recuperare le forze, non è mai facile dare un giudizio sulle sfide della MLS. Per questo abbiamo deciso di limitarci ad analizzare il presente, al massimo il recente passato, per tirare il punto della situazione a palloni fermi. Dopo ogni giornata stileremo le (nostre) tre verità del turno di MLS appena giocato. Potete commentarle sulla nostra pagina Facebook o iscrivendovi al nostro gruppo privato di FB.

1) CARLOS VELA E L’OBIETTIVO MVP

Il messaggio di Carlos Vela è molto chiaro a tutto il campionato, Ibrahimovic in primis: per il titolo quest’anno ci sarà da fare i conti con lui e con Los Angeles FC. L’inizio da sogno dei Black&Gold in MLS, con 13 punti in 5 partite, porta la sua firma. Nel diluvio di gol contro il malcapitato San Jose Earthquakes c’è il maxi autografo dell’ex Arsenal: tre gol, prima tripletta per lui in MLS, e un assist. Giocate da applausi e un altro livello di calcio rispetto alla squadra di Almeyda, ultima a 0 punti dopo quattro partite con due reti fatte e 14 subite. In totale per Vela sono sei gol e tre assist in cinque partite. Numeri da MVP.

2) NEW YORK IN DIFFICOLTA’

Sull’altra costa degli Stati Uniti c’è un’altra grande città che al contrario di LA è in difficoltà. Lo dice il campo e a prescindere dal colore. Il New York City ha incassato una scoppola a Toronto difficile da digerire per Torrent, uno 0-4 che facendo seguito ai tre pareggi nelle prime tre uscite, conferma le difficoltà degli Yankee dopo una sessione di mercato deficitaria nelle idee e nelle pedine. Malissimo davanti, ancora peggio dietro dove le reti incassate avrebbero potuto farli competere con Montreal Impact (1-7 a Kansas City).

In New Jersey, invece, i Red Bulls stanno pagando le fatiche della CONCACAF Champions League e dopo il ko interno contro Orlando (reduce da 15 trasferte con sconfitta) è arrivato anche lo 0-1 in casa dei Chicago Fire, un’altra squadra in difficoltà. Non benissimo per Armas, ma la qualità c’è ed è solo questione di far passare la tempesta.

3) FRANK DE BOER ABBIAMO UN PROBLEMA

Tempesta che dalle parti di Atlanta è già diventata bufera, quasi uragano. I campioni MLS 2018, nonché il roster più importante della lega, è in balia dei propri fantasmi e di un “effetto De Boer” che comincia davvero a preoccupare. Fuori dalla Champions e ultimi in classifica nella Eastern Conference con due punti in quattro partite e soli due gol segnati, Atlanta è troppo brutta per essere vera. Anche a Columbus è arrivata una sconfitta e i tempi d’oro dei fuochi d’artificio col Tata Martino e Almiron sono un ricordo lontano. Qualcosa è chiaro che non funzioni nel rapporto tra FDB e la squadra, chissà che la dirigenza non prenda provvedimenti prima del previsto.


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunzionaliOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnaliticiOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

AltroOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.