Diego Valeri: il Maestro pronto ad esaltare Portland

In questo calcio moderno – che, poi, che cavolo vorrà mai dire “moderno” – sembra non esserci spazio per i trequartisti. Sarà un luogo comune, ma è dai tempi di Baggio che va avanti questa storia. E allora Baggio diventa attaccante, un 9 e mezzo. E’ l’Europa, baby. Ma poi dall’altro mondo, quello Nuovo, arriva Kakà. Si fa applaudire dal mondo nella Scala del calcio per poi tornare nelle Americhe a insegnarlo, il calcio, nella Major Soccer League, sponda Orlando. A dimostrare che, sì, il trequartista può fare ancora la differenza. Una lezione che già qualche anno prima, e qualche anno dopo, ha regalato però anche un altro fantasista, nato – manco a dirlo – dell’America del Sud: Diego Valeri.

Argentino, lui dall’Europa ci è passato, ma si è fermato poco: giusto una stagione al Porto e un’altra all’Almeria, 21 presenze totali e nessun gol. Poi il ritorno a casa, nel Lanús. Nel 2013 passa il Golfo del Messico e sale fino in Oregon per giocare nei Portland Timbers. Ed è tutta un’altra storia. Sigla 69 gol in 184 partite giocando praticamente in tutti i settori del centrocampo. E’ decisamente lui l’uomo delle grandi occasioni, come ha dimostrato con la doppietta siglata in finale di Conference. Che è stata solo l’ennesima conferma di un talento che l’anno scorso, a 31 anni, ha vinto il titolo di MVP della stagione. Sono 14 i gol messi a segno in questo torneo. Finora. Con un record tutto suo: Valeri è l’unico calciatore della MLS ad essere andato in rete per più partite consecutivamente (nove). Roba che neanche mostri sacri come Robbie Keane e Landon Donovan, per dire.

Se da un lato Diego Chará sarà l’antidoto per lo straripante Miguel Almirón, dall’altro la difesa dell’altra finalista Atlanta United si troverà di fronte a un Valeri decisamente ispirato. E’ lui il pericolo pubblico numero uno. E’ lui il fulcro di ogni azione d’attacco dei Timbers. E’ lui l’uomo assist e il tiratore scelto, un cobra che si esalta sotto pressione: quattro gol e due assist nelle partite di spareggio. E una delle due reti la siglò nel primo minuto di un’altra finale, quella del 2015 contro Columbus Crew. E sappiamo bene com’è finita.


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.