MLS, Chicago Fire e Dallas FC: viaggio nella crisi

Protagoniste assolute nella prima parte di stagione, Chicago Fire e Dallas stanno vivendo un periodaccio in MLS. Se i texani, con due partite in meno rispetto al gruppo, nel mese di agosto sono scivolati addirittura fuori dalla zona playoff, i ragazzi di Paunovic dopo l’All Star Game giocato in casa sono crollati raccogliendo quattro sconfitte consecutive e perdendo la targa di Toronto FC. Un crollo fisiologico e con diverse spiegazioni, non del tutto negativo considerando le recenti annate in MLS, ma che può preoccupare i tifosi e gli appassionati che, di questo passo, stanno assegnando a Giovinco e compagni il Supporters’ Shield e ogni favore di pronostico per la MLS Cup.

DALLAS: COPERTA TROPPO CORTA
Partiamo dai ragazzi di Pareja che, dopo un’eternità, si ritrovano sotto la “red line” dei playoff. I problemi in Texas sono noti da tempo e la società, pur rimanendo ottimo il lavoro considerando i costi contenuti, non ha provveduto a riparare i limiti di una rosa troppo corta. Un infortunio o una squalifica in casa Dallas sono più pesanti perché i rimpiazzi di livello sono pochi e non sempre hanno reso secondo le aspettative. Il rientro con infortunio immediato di Diaz ha poi sconvolto i piani tattici di Pareja, ma con un finale tutto da scrivere possiamo scommettere che Dallas rientrerà nelle prime squadre a Ovest.

CHICAGO: CALO FISIOLOGICO
I Fire di Paunovic hanno fatto una prima parte di stagione fantastica nonostante una squadra praticamente nuova. I risultati sono arrivati subito grazie ai gol di Nikolic e alla solidità del centrocampo, ma il tempo sta presentando il conto. McCarty e Schweinsteiger stanno tirando il fiato e anche Nikolic ha abbassato la media realizzativa, considerando che non ha mai staccato la spina dalla scorsa stagione. La situazione è chiara: Chicago Fire è sulle gambe, ma le opzioni sono due. La prima, più pessimistica, è che siano destinati a crollare ancora vanificando l’ottima prima parte di MLS. La seconda, più ottimistica e auspicabile per lo spettacolo, è che lo staff di Paunovic abbia approfittato di agosto per rifornire di benzina i muscoli dei suoi per un finale di alto livello.

In MLS, infatti, mai dire mai. Con la conformazione unica di questo campionato molto spesso è più conveniente farsi trovare in forma al momento giusto che dominare il campionato. E Toronto questo lo sa bene. Negli ultimi due anni prima i Portland Timbers e poi i Seattle Sounders hanno saputo sublimare un autunno di livello altissimo, a livello di gioco e di fisico.


 

Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.