MLS, Orlando City: arrestato Cyle Larin. Il video dell’arresto

L’attaccante di Orlando City, Cyle Larin, è stato arrestato per guida in stato d’ebbrezza dalla polizia in Florida. L’attaccante canadese, reduce dalla sfida con la propria nazionale mentre i compagni di squadra venivano eliminati dal Miami FC in US Open Cup, secondo la ricostruzione ha imboccato contromano Orange Avenue vicino a Lake Ivanhoe Boulevard, rischiando l’incidente in un paio di occasioni con altri veicoli. Al controllo dell’etilometro Larin è risultato oltre il limite con 1,8 quando il limite consentito è di 0,8. Più del doppio. Subito è scattato l’arresto.

Immediata la reazione della MLS che ha iscritto l’attaccante di Orlando City a un programma di disintossicamento, l’MLS’ Substance Abuse And Behavioral Health Program, e non sarà convocabile da coach Kreis fino a quando il percorso non sarà giudicato concluso dalla lega. In casi precedenti diversi giocatori hanno saltato 3-5 partite.

“Il giocatore non sarà convocabile per le attività del club fino a quando tutto il percorso non sarà finito – ha ribadito nel comunicato ufficiale la MLS – e fino a quando non avremo concluso le indagini. La lega rimarrà in stretto contatto con Orlando City, le forze dell’ordine locali e il giocatore durante questo periodo”.

LA RICOSTRUZIONE

Secondo il resoconto trascritto dall’Orlando Sentinel, Larin ha proceduto contromano senza andare ad alta velocità ma sfiorando in un paio di occasioni un frontale. Fermato, l’attaccante ha dichiarato di non sapere di guidare dalla parte sbagliata della strada perché canadese e dopo aver inizialmente negato di aver bevuto, ha ammesso di aver ingerito “due o tre drink” al Club ONO nel centro di Orlando. “Sono un giocatore di Orlando City – avrebbe continuato -, sto solo cercando di portarla a casa” riferendosi al passeggero femminile a fianco a lui. Niente di utile per evitare l’arresto, con la conferma delle autorità che Larin non ha provato a sfruttare il suo status da calciatore per evitarlo.

A conti fatti è stata una fortuna che una pattuglia si trovasse su Orange Avenue in quel momento, come confermato dagli stessi interessati: “Avesse continuato a guidare lungo la via in quello stato sarebbe stato difficile evitare un frontale. Faceva fatica a rispondere alle nostre domande e ha fallito i test di sobrietà”.

Larin del resto non è nuovo a problemi con la polizia stradale e in passato, sempre a Orlando, ha dovuto affrontare due volte i corsi di guida per il recupero crediti. La prima volta per eccesso di velocità e in seguito per non aver rispettato un semaforo.

GUARDA IL VIDEO DELL’ARRESTO


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.