La notizia era nell’aria e in una fredda serata di fine novembre è diventata ufficiale: Jurgen Klinsmann non è più il ct degli USA. Il presidente della federazione, Sunil Galati, ha preso la sua decisione che negli Stati Uniti da più parti è stata considerata tardiva.

Decisive le sconfitte nei primi due turni di qualificazione a Russia 2018 contro Messico e Costa Rica, a loro modo un record negativo, ma del ct tedesco non hanno mai convinto il (non) gioco e una chiusura verso la MLS che per un movimento in crescita come quello americano è sempre parso più come un preconcetto che reale motivazione tecnica.

Spulciando i vari social network le critiche per l’ex attaccante dell’Inter non mancano, dalle più tecniche alle più personali, ma c’è anche chi – come il giornalista americano Pablo Maurer – si è preso la briga di annotarsi nei cinque anni di regno Klinsmann tutti i record negativi raccolti.

– Ha perso due partite di fila nelle qualificazione ai Mondiali per la prima volta dal 2001
– La sconfitta per 4-0 in Costa Rica è stata la peggiore senza segnare reti nelle qualificazioni dal 1957
– Peggior passivo di sempre contro la Costa Rica
– Ha perso per la prima volta contro il Messico a Columbus al MAPFRE Stadium, stadio considerato talismano per gli USA
– Contro il Messico, partita più importante del girone per Russia 2018, ha presentato il 3-5-2 senza mai provarlo prima
– Per la prima volta nella storia ha iniziato l’ultimo girone per i Mondiali con due sconfitte e 0 punti

Ma andando indietro nel tempo i motivi aumentano

– Tre sconfitte di fila per la prima dal 1997
– Quattro partite interne di CONCACAF senza successi
– Qualificazione alla Confederations Cup fallita ed era un obiettivo
– Olimpiadi mancate per due volte di fila per la prima volta in metà secolo
– Non ha mai battuto un team nella top-10 mondiale (5 sconfitte, 1 pareggio)
– Peggiore media punti contro la top-20 mondiale dai tempi di Gansler
– Nel 2012 perse per la prima volta in assoluto contro la Giamaica
– Nel 2015 perse per la prima volta in casa contro la Giamaica
– Nel 2016 perse contro Guatemala per la prima volta dai tempi di Reagan
– Guatemala nel 2016 è stata la squadra con il ranking FIFA più basso ad avere mai battuto gli USA
– Negli ultimi tre tornei più la CONCACAF Cup i suoi USA sono stati presi a pallate (292 tiri contro 169)
– Nel 2014 i suoi USA hanno ottenuto il più basso possesso palla e la peggior percentuale di tiri in porta di ogni nazionale USA ai Mondiali da quando esistono le statistiche dettagliate. Peggio anche del 1990 e 1994
– Nei gironi di Gold Cup, minor numero di tiri di tutti compresi Canada (che non segnò) e Cuba (che finì con -7)

Insomma, la notizia non è stata presa con troppa disperazione da Los Angeles a New York, anzi. Con la prossima partita prevista a marzo, c’è tutto il tempo per invertire la rotta. Gli USA però non possono più sbagliare.

Ecco i tre candidati per la successione di Klinsmann


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunzionaliOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnaliticiOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

AltroOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.