MLS, Montreal e Toronto: la rivincita del Canada! Siamo tutti Robin Scherbatsky

“Ted, anche se è sposata, è un matrimonio canadese. È come i loro dollari e il loro esercito, nessuno li prende sul serio!”. Beh, forse è giunta l’ora di cambiare idea, cara Lily. In How I Met Your Mother la povera Robin Scherbatsky, canadese (e fiera di esserlo), era oggetto di scherno da parte di Ted, Marshall, Barney e, appunto, Lily, americani residenti a New York. Più cool, più fighi, più tutto. Almeno fino all’altra notte…

Già, perché i canadesi sono sempre stati degli zimbelli per gli americani: sono i vicini, quelli buoni, tranquilli; il Canada sta agli Stati Uniti come Ned Flanders a Homer Simpson. Taglialegna, mangiatori di pancake e sciroppo d’acero, mounties, vestiti con stivaletti marroni, giacca rossa e pantaloni neri. Ah, e come può mancare l’immancabile cappellino? Con un castoro come animale simbolo, con due lingue ufficiali. “Il Canada esiste, ma con molte difficoltà”. Sempre Barney, sempre How I Met Your Mother. Canada gentile, che chiede sempre scusa. Almeno fino all’altra notte…

Ma cosa è successo l’altra notte? Semplice: gli States e New York sono stati brutalizzati da quelli buoni, carini e gentili. Il Canada si è preso la propria rivincita grazie ai Montreal Impact e a Toronto FC, capaci di eliminare le due squadre di New York, grazie a un argentino, un ivoriano e tre italiani. Piatti, Drogba, Mancosu e Donadel in maglia nerazzurra, e Giovinco con una divisa che ricorda quella dei mounties. In total red e con scarpini neri ha sprigionato la sua forza ammutolendo un intero paese, con una tripletta ha ricacciato in gol anni di sfottò e prese in giro. E dove poi? Allo Yankee Stadium, uno dei simboli sportivi non solo della Grande Mela ma dell’America in generale. E ora, è certo, una canadese (e almeno un italiano), lotterà per il titolo.

“Se è degli anni Novanta, perché sembra degli anni Ottanta?” chiese Marshall a Robin.
“Gli anni Ottanta sono arrivati in Canada dieci anni dopo” rispose un’abbacchiata Robin.

Beh, cari Ted, Marshall, Barney e Lily,  il calcio, in Canada, è 10 anni avanti rispetto a New York. Un giorno, probabilmente, sarete protagonisti di una reunion, di una puntata speciale. E ci sarà anche Giovinco, con Robin. How I Met Ant-Man, e sarà leggendario. Siamo un po’ tutti più canadesi, ora. Siamo tutti un po’ Robin Scherbatsky.


Facebook Comments

Questo sito Web utilizza cookies per offrirti la migliore esperienza. Accetta facendo clic sul pulsante "Accetta".

Impostazioni dei cookie

Di seguito puoi scegliere quale tipo di cookie consentire su questo sito web. Fai clic sul pulsante "Salva impostazioni cookie" per applicare la tua scelta.

FunzionaliIl nostro sito web utilizza cookie funzionali. Questi cookie sono necessari per far funzionare il nostro sito web.

AnaliticiI cookie analitici, che possono essere di prima o di terza parte, sono installati per collezionare informazioni sull’uso del sito web. In particolare, sono utili per analizzare statisticamente gli accessi o le visite al sito stesso e per consentire al titolare di migliorarne la struttura, le logiche di navigazione e i contenuti.

Social mediaI cookie di profilazione e i social plugin, che possono essere di prima o di terza parte, servono a tracciare la navigazione dell’utente, analizzare il suo comportamento ai fini marketing e creare profili in merito ai suoi gusti, abitudini, scelte, etc. In questo modo è possibile ad esempio trasmettere messaggi pubblicitari mirati in relazione agli interessi dell’utente ed in linea con le preferenze da questi manifestate nella navigazione online.

PubblicitariIl nostro sito web inserisce cookie pubblicitari per mostrarti pubblicità di terze parti in base ai tuoi interessi. Questi cookie possono tracciare i tuoi dati personali.

AltroIl nostro sito web inserisce cookie di terze parti da altri servizi di terze parti che non sono analitici, social media o pubblicitari.