US Bank Stadium: il gioiello di Minneapolis | MLS Soccer Italia

US Bank Stadium: il gioiello di Minneapolis

Debutto italiano per lo Us Bank Stadium di Minneapolis, che stanotte (ora italiana 2:35) è diventato il campo di gioco di Chelsea-Milan per la International Champions Cup. La casa dei Minnesota Vikings (football americano) ha aperto i cancelli proprio per l’amichevole tra Vincenzo Montella e Antonio Conte, nuovo coach del club londinese.

Una riedificazione miliardaria

Dopo una riedificazione miliardaria del vecchio “Metrodome” dell’82, che già di suo era costato 55 milioni di dollari, demolito definitivamente nel 2014 dopo alcuni crolli drammatici del tetto per troppa neve, sullo stesso sito sorge oggi un’opera architettonica impressionante. Un investimento da 1,1 miliardi di dollari e numeri da capogiro. Nella migliore delle tradizioni americane dei “dome” sportivi. La nuova struttura misura il doppio della precedente. Ospita 72mila spettatori seduti espandibili di qualche decina di migliaia ancora. Ha 11 ascensori, 34 scale mobili, 979 toilette e 430 punti di ristorazione. La forma è quella di una nave vichinga, altissima, rivestita di vetri. In cui i cieli cangianti del Minnesota si riflettono creando un dialogo con il contesto urbano esteticamente perfetto. Le cinque porte girevoli dell’ingresso sono alte 28 metri. La città si specchia nell’arena dei supereroi sportivi. E un sistema di trasporti pubblici ineccepibile la rendono fruibile a ogni target, dalla famiglia con i bambini al manager per un evento aziendale.

Effetto luminoso outdoor

La luce naturale entra dal tetto così forte che sembra di essere all’aperto, condizione impossibile negli inverni del Minnesota. Qui si giocherà il 52esimo Superbowl 2018 e le temperature di febbraio scendono di molto sotto lo zero Celsius. Ma all’interno si starà caldi a godersi lo spettacolo. Come è possibile questo effetto luminoso “outdoor”? L’innovazione ingegneristica si chiama ETFE (etilene tetrafluoroetilene), materiale di tipo plastico talmente traslucente che in uno stadio della Nuova Zelanda riescono a crescerci le piante all’interno.

Suite e non solo

Per chi si può permettere un comfort maggiore sono 131 le Premium Suites e 8200 i Club Seats. Per la prima volta sono state realizzate suites a soli sette metri dal campo di gioco, si chiamano “Turf suites”, letteralmente sul tappeto d’erba. Per gli spettatori la garanzia di una esperienza “immersiva” non manca, così come quella della condivisione social visto che naturalmente è tutto wifi free.

Lo stadio ha aperto al pubblico per una visita gratuita il 23 luglio, ecco il video girato da un visitatore che mostra l’impatto dal campo dove il Milan ha giocato

Qui il feeling dei giocatori Vikings strabiliati dall’imponente superdome. Era il primo giorno, 28 luglio, che vi hanno messo piede (presto anche casco e tutto il resto). Stanotte l’onore del calcio d’inizio è andato all’Europa e al pallone.

Tutti i numeri da capogiro qui http://www.usbankstadium.com/about-the-stadium/at-a-glance/


Articolo a cura di Paola Baldacci per Milanosportiva.com


Commenti

comments

Redazione
MLS Italia vuole porsi come punto di informazione per gli appassionati di Major League Soccer, NASL e categorie inferiori ma anche come punto di riferimento italiano per gli addetti ai lavori

Leggi anche

Torna su