Semifinali Playoff MLS: Valdez, l'eroe inaspettato di Seattle | MLS Soccer Italia

Semifinali Playoff MLS: Valdez, l’eroe inaspettato di Seattle

Il primo passo è stato fatto. Seppur con qualche difficoltà i Seattle Sounders sono riusciti a superare il primo turno di play-off superando per 1-0 l’ostico Sporting Kansas City. Il gol vittoria ha portato la firma del paraguayano Nelson Valdez. Eroe inaspettato per quanto visto sino ad ora nelle sue due stagioni in MLS.

In giro per l’Europa  – Giramondo del pallone, Valdez ha vestito le maglie di mezza Europa nella sua decennale carriera sportiva. Tra le tante maglie vestite spiccano quelle di Werder Brema, Borussia Dortmund, Valencia ed Olympiacos. Nonostante possegga buone caratteristiche fisiche e tecniche, l’attaccante classe 1983, non è mai salito alla ribalta come il classico “bomber di razza”. Difficilmente è riuscito ad avvicinarsi alla doppia cifra, soltanto nella 2005/2006, quando vestiva la maglia del Werder Brema, in trenta incontri è riuscito a gonfiare la rete per nove volte.

Nonostante il feeling con la porta non sia dei migliori, Valdez riesce a vincere vari trofei in giro per l’Europa. Il suo palmarès inizia a riempirsi proprio con la maglia del Werder dove riesce a conquistare un campionato tedesco, una coppa di Germania e una di Lega tedesca. Durante il suo periodo in Russia al Rubin Kazan, conquista il double vincendo coppa e supercoppa di Russia e durante il suo periodo di prestito all’Olympiacos, si laurea campione di Grecia nella stagione 2013/2014.

SEMIFINALI MLS: PROGRAMMA, ORARI E DIRETTE TV

Lo sbarco a Seattle – Questa serie di trofei, coadiuvati dalla grande esperienza ottenuta in campo europeo, convince i dirigenti dei Seattle Sounders ad ingaggiarlo per la stagione 2015 come Designated Player. 0Il suo arrivo datato 7 agosto 2015, acclamato a gran voce da tutti gli addetti ai lavori e dai tifosi dei Sounders, viene però offuscato sul terreno di gioco da un’altro idolo del Century Link Field: Obafemi Martins. La coppia formata dal duo Martins-Dempsey lascia davvero le briciole, in termini di gol, alla punta paraguayana che, nella sua stagione di esordio in MLS, mette a segno solamente due reti e dieci presenze. La punta riesce ad andare in rete durante la regular season nella vittoria per 4-0 contro Orlando City e nel primo turno di play-off contro i Los Angeles Galaxy. La sua rete nei play-off però si rivelò decisiva ai fini del risultato. La banda guidata da Schmid riuscì a passare il turno vincendo per 3-2 ma dovette poi abbandonare i giochi alle semifinali quando vennero eliminati nella doppia sfida da Dallas.

La storia si ripete – La stagione 2016 di Nelson Valdez ha seguito la  falsariga di quella passata. Quest’anno, nonostante la partenza di Martins verso l’estremo oriente ( attualmente è impegnato nella Chinese Super League con la maglia dei Shanghai Shenhua n.d.r.),  El León Guaraní, ha sì ottenuto più spazio collezionando ventiquattro presenze ma non è riuscito a migliorarsi sotto l’aspetto realizzativo. A secco in campionato, la sua unica rete è arrivata al quinto turno della U.S. Open Cup nella sfida, poi vinta ai rigori, contro il Real Salt Lake.

Le analogie, però, si rispecchiano anche sotto gli aspetti positivi. Proprio come la stagione scorsa, Valdez è riuscito ad andare a segno nel primo turno dei play-off. Questa volta la sua rete è stata determinante in tutto e per tutto. Grazie all’inzuccata messa a segno a pochi minuti dalla fine, i Sounders sono riusciti a sbrogliare la matassa contro Kansas e a staccare il pass verso le semifinali di Conference. Ad attenderli troveranno proprio Dallas che un anno fa vanificò le mire di conquista dei ragazzi verde-blu. Quest’anno, ancora di più, l’impresa sembra ardua. Dallas si presenta come favorita grazie ad una stagione esaltante, ma senza Diaz perdono molto. I texani hanno già conquistato la doppietta U.S Cup e Supporters’ Shield e sembrano non volersi fermare sul più bello.

Seattle dovrà sfruttare tutte le sue armi a disposizione per riuscire nell’impresa e Nelson Valdez potrebbe rivelarsi un elemento davvero prezioso per la causa Sounders. Dopo la buona prestazione contro Kansas avrà, di certo, molti occhi puntati addosso.


Commenti

comments

Simone Baldo
Simone Baldo, classe 1991. Laureato all’Università degli Studi di Milano-Bicocca in Comunicazione Interculturale. Ho iniziato a scrivere per Sprint&Sport

Leggi anche

Torna su