Semifinali Playoff MLS: Giovinco contro Pirlo nella terra degli opposti | MLS Soccer Italia

Semifinali Playoff MLS: Giovinco contro Pirlo nella terra degli opposti

Un passato in bianconero. In comune, non comune. Già, perché entrambi hanno vinto con la maglia della Juventus: uno 4 scudetti, l’altro 2. Ruoli, però, ben differenti, non solo in campo: Andrea Pirlo è stata la luce intorno alla quale costruire una squadra, con Conte prima e Allegri poi; Sebastian Giovinco, invece, è sempre sembrato quello in più, quello che ad inizio carriera doveva essere l’erede del grande Alessandro Del Piero, salvo poi rivelarsi l’alternativa di lusso. E quante esultanze rabbiose…

SEMIFINALI PLAYOFF MLS IN TV: ECCO COSA TRASMETTE EUROSPORT

Poi, a febbraio 2015, addio: Seba saluta la Juve e abbraccia il progetto (e i milioni) di Toronto. Qualche mese dopo, la sua ex squadra gioca e perde la finale di Champions League contro il Barcellona, e saluta anche l’altro, Andrea. Lacrime per un obiettivo, anzi l’obiettivo, sfumato proprio sul più bello. A 36 anni uno dei più grandi calciatori dice addio all’Italia e all’Europa. Anche per lui si aprono le porte della MLS, della Grande Mela, di New York.

Ci sono arrivati in maniera differente: uno era nel pieno della carriera, con tanta rabbia in corpo; l’altro dopo anni di vittorie e un’ultima cocente delusione, sempre in Champions (come a Istanbul). E negli States le cose si sono ribaltate: ora è Giovinco il faro del movimento calcistico, Pirlo è solamente “l’altro”. The Atomic Ant è stato l’MVP della scorsa stagione, a detta di molti il più forte giocatore che la MLS abbia mai avuto; the Master, invece, è stato spesso criticato per le sue prestazioni, mai abbaglianti come in passato.

Ora, nella semifinale di Eastern Conference, Toronto sfida New York, Giovinco affronta Pirlo: la stella della Major League Soccer contro il Maestro, quello che in Italia è rimasto poco più che un incompiuto faccia a faccia contro chi negli States non ha incantato, nonostante piedi fatati. Il tutto nel paese delle opportunità, che nel calcio diventa quello degli opposti.


Commenti

comments

Leggi anche

Torna su