New York Red Bulls: l'incognita della MLS 2017 | MLS Soccer Italia

New York Red Bulls: l’incognita della MLS 2017

I New York Red Bulls sono una della franchigie più temute in MLS. Pur non avendo mai vinto la MLS Cup vengono sempre visti, ogni anno, come potenziali vincitori. Il palmares però è scarso se si considera il potenziale dei NRYB: 1 Supporters’ Shield e 5 Eastern Conference, ma i trofei quelli “veri” come la MLS Cup e la US Open Cup sono a 0. Il 2Risultati immagini per nyrb mls 2016016 si è concluso con la vittoria della Eastern Conference ma ai playoff è arrivata la sorprendente sconfitta nel doppio confronto contro i Montreal Impact con un totale di 3-1 per i canadesi.

La stagione 2017 però per i NYRB potrebbe non essere quella del rilancio, quella dell’agognato successo, anzi, potrebbe essere un grigio anno di transizione. Le “lattine” del New Jersey attualmente hanno una rosa non di primissimo ordine anche se gli elementi di spicco non mancano: Kljestan, Wright-Phillips e Robles su tutti. Ciò che non sta convincendo tifosi ed addetti ai lavori è la composizione della difesa. Attualmente i Red Bulls, nel loro roster, hanno due difensori centrali, Collin e Baah, due terzini destri, Zizzo e Bilyeu ed un terzino sinistro, Lawrence. Al SuperDraft ci si aspettava che la difesa venisse ampiamente rinforzata, invece è arrivato Zeiko Lewis, centrocampista. L'immagine può contenere: 1 persona

A NY o meglio nel NJ sono però perplessi per l’ufficializzazione della cessione di Dax McCarty, capitano della franchigia della Red Bull nonchè elemento chiave per il gioco di Marsch. $ 400.000 di GAM questa la cifra per la cessione di McCarty finito ai Chicago Fire dove con Juninho comporrà una mediana molto interessante in Illinois. I tifosi si interrogano e alcuni sono ancora arrabbiati per questa cessione dolorosa ed inaspettata.

La dirigenza dei NYRB sembra però non essere intenzionata ad acquistare un grande nome come sostituto di McCarty, pur avendo comunque uno slot da DP ancora libero. L’intenzione sembra quella di puntare sui giovani, sui propri homegrown players come già fatto negli ultimi tempi, ma che nel 2017 potrebbe avere una grande importanza nel roster. Insomma uno svecchiamento della rosa, una scelta a tratti logica ma che ha un sacco d’incognite per un 2017 che al momento sembra avere più dubbi che certezze.


 

Commenti

comments

Lorenzo Viganò
Seguo la MLS perché adoro la mentalità americana negli sport, in particolare, la spettacolarità che gli viene data grazie ai playoff. Reputo la MLS un campionato genuino, senza polemiche e che premia chi merita

Leggi anche

Torna su