MLS, Atlanta: Martinez goleador implacabile. Torino è il passato | MLS Soccer Italia

MLS, Atlanta: Martinez goleador implacabile. Torino è il passato

Rum, ritmi latini e quel classico calore che emanano i sudamericani. Venezuela, Caracas, patria dei peggiori bar decantati in una famosa pubblicità dal Pampero. Los pejores bares de Caracas, che poi, in realtà, sono i migliori, quelli dove trovi il miglior rum, la miglior musica, forse non la più tranquilla della compagnia, ma che ci vuoi fare, non puoi avere tutto… From Caracas with gol è sbarcato nel pianeta MLS, Josef Martinez. Miglior bomber della fresca stagione americana. Un’altra musica rispetto a Torino e agli errori grossolani a cui aveva abituato, purtroppo, i tifosi granata in Serie A.

14 gol in 87 partite con la maglia granata indosso, quando i suoi errori erano all’ordine del giorno. Tra sfortuna, imprecisione, portieri miracolosi, e miracolati, era spesso nell’occhio della critica. A scuola si diceva “E’ bravo, ma non si applica”, in Piemonte, invece, è stato il contrario “Si applica ma…”. Manca qualcosa. Probabilmente tranquillità, tanto che Petrachi gli consigliava di vivere il match domenicale come quello del giovedì, quando lontano dalla pressione della partita e delle telecamere, mostrava le sue qualità. A volte ci riusciva, altre no, e il suo score, in base ai tentativi, faceva piangere: El pejor delantero della Serie A. Ma in realtà…

Martinez, nato a Caracas nel 1993, con la maglia di Atlanta United ha avuto un impatto devastante: 5 gol in 3 partite, scaraventando in porta, con rabbia, un passato da cancellare, trasformato in gioia per sé, per i tifosi. E per il Tata. Gerardo Martino lo ha messo nel cuore del suo attacco: velocità, attacco della profondità e, finalmente, tranquillità. Finalizzatore perfetto nel 4-2-3-1 dell’allenatore rosarino, il numero 7 di Atlanta ha scritto la storia in Venezuela, realizzando la prima tripletta della storia della nazionale vinotinto. Martinez è come i bar di Caracas: si dice che siano i peggiori, e invece… “He scores when he wants, He scores when he waaannts…Jo Martinez, he scores when he wants”.


Commenti

comments

Leggi anche

Torna su