Generation adidas Cup: i migliori talenti in mostra | MLS Soccer Italia

Generation adidas Cup: i migliori talenti in mostra

La Generation Adidas Cup è un torneo composto da 32 squadre (19 academy MLS più 13 squadre estere) che si ripete ormai da anni e che è diventato un punto di riferimento per clubs, giovani talenti e talent scouts. In passato sono stati tanti i calciatori MLS che hanno avuto una vetrina importante nella GA. Ricordiamo tra tutti Hamid (DC United), Glad (RSL) che all’epoca era pure un punto fermo della nazionale under 17, Dillon Serna (Colorado Rapids) e Kellyn Acosta (Dallas). Dallas che è riuscita a battere i più quotati rivali del Real Madrid con un goal di Brayan Padilla.

Padilla è un ottimo attaccante, di prospettiva, da tenere d’occhio in questo torneo. Uno di quelli che ha il gol dentro di sé. La scorsa stagione la concluse con 22 gol in 18 incontri. Arrivò a Dallas nel 2014.

Altri calciatori americani degni di nota sono:
John Kenneth Xuxuh Hilton, LA Galaxy
Terzino destro, molto abile con il pallone tra i piedi e per questo viene accostato a Dani Alves. Iniziò a giocare con l’academy del Chivas, fu notato con insistenza da emissari del Manchester United e dell’Ajax. Gli inglesi lo portarono pure in una tournee. E’ impiegato spesso anche come esterno destro di centrocampo grazie alla sua velocità. (Video di quando aveva 11 anni)

Moses Nyeman, D.C. United
E’ un numero 10. Ha fatto parte di tutte le selezioni giovanili americane. Forse di quello della lista è il meno noto ma ha talento.

JJ Foe Nuphaus, San Jose Earthquakes
Difensore centrale con esperienza tedesca all’Hoffenheim nel 2016 dove però giocando poco ha deciso per il ritorno in California. Sa far partire l’azione, per gli addetti ai lavori ha i piedi di un 10, l’intelligenza di un 8 e la sensibilità difensiva di un 4. Forse in Germania speravano in un semplice 6.

Gianluca Busio, Sporting Kansas City
Originario della North Carolina, ha raggiunto lo SKC da poco. Nel giro della nazionale under 15 americana. Ottimo nel calciare le punizioni.

Sebastian Soto, Real Salt Lake
Classico numero 9 che sa fare una cosa per bene, il gol. Unico ad aver raggiunto i 20 gol in stagione. A detta di molti è il miglior prospetto di tutte le academy MLS.

Giovanni Reyna, NYCFC
Figlio d’arte. Il papà è Claudio Reyna ex Rangers e Metrostars. Oggi ai NYCFC in veste dirigenziale. Giovanni è un giocatore molto tecnico che sa tenere bene la palla e si muove bene in campo. Sempre cercato dai compagni. Date le origini argentine del padre su Giovanni si potrebbe dire benissimo “la pelota siempre al 10”.

Efrain Alvarez, LA Galaxy
Di lui abbiamo parlato abbastanza in articoli precedenti. Seguito da Napoli e dalle nazionali USA e Messicana. Il perché? Segna a raffica

Luca Petrasso, Toronto FC
Canadese, fratello di Michael, andato al QPR, è un numero 10. E’ considerato uno dei migliori talenti canadesi degli ultimi anni.

Damian Las, Chicago Fire
Portiere di prospettiva già nel giro della nazionale under 15. In molti vedono in lui il futuro portiere della nazionale americana


 

Commenti

comments

Sebastiano Trovato
Siciliano, laureato in Economia. Appassionato di nuoto e di calcio. Mi occupo di MLS da sempre e del futbol argentino dal punto di vista della storia del campionato, dei protagonisti e degli aspetti economici e di marketing del gioco.
http://smtrovato.altervista.org/

Leggi anche

Torna su