Alessio e l'esperienza NYCFC: "Ambiente fantastico e coi giocatori..." | MLS Soccer Italia

Alessio e l’esperienza NYCFC: “Ambiente fantastico e coi giocatori…”

La Major League Soccer è un campionato a sé. Troppo particolare, almeno per il momento, per essere paragonato a qualsiasi altra lega, ancora meno se europea. Ogni città ha il suo modo di intendere lo sport ancora prima che il “soccer” e la continua espansione studiata e voluta dal commissioner Don Garber porterà queste differenze a variegarsi ulteriormente con l’ingresso di altre franchigie e quindi altre città, stati e tifosi. Ma lo sport viene prima di tutto, l’amore per i propri colori e gli interessi personali sono ancora un lontano miraggio. Ecco perché chi ha l’occasione e la fortuna di assistere dal vivo a sfide di MLS non torna a casa insoddisfatto, magari tediato dalle polemiche e dalla violenza crescente del calcioitaliano e nel Vecchio Continente. E’ stato il caso nostro quando abb3gq4rbibiamo potuto assistere a due match di Major League Soccer e una di NASL, ma anche di Salvatore che assistette dal vivo ai Seattle Sounders, o di Stefano per i suoi DC United. E siamo certi che continueremo a raccogliere testimonianze del genere perché la passione, o anche solo la curiosità, verso la MLS sta crescendo anche in Italia.

Alessio, 27 anni di Assemini in provincia di Cagliari, è stato di recente ha vedere una partita allo Yankee Stadium, per la precisione il pirotecnico 2-2 tra NYCFC e FC Dallas. Non certo una partita di secondo piano, anzi, di assoluto livello viste le squadre in campo. Ecco il suo racconto.

“L’ambiente è molto diverso rispetto a quello che siamo abituati in Italia – racconta Alessio -. C’è nell’aria una sorta di spensieratezza che a Cagliari non sono abituato a sentire. E’ proprio vero che a diverse latitudini uno stesso sport si può vivere in maniere completamente diverse”. Il primo impatto con lo Yankee Stadium, con pregi e difetti legati al calcio, non si scorda mai: “E’ imponente, ben collegato, facilmente raggiungibile e molto capiente. Forse andrebbero tolti quei due pali che si vedono dalle foto perché disturbano un po’ la visuale, ma sicuramente è un impatto positivo. Sinceramente mi aspettavo meno calore da parte del pubblico, ma a differenza dell’Italia i tifosi hanno più possibilità di farsi sentire. Per esempio a Cagliari ogni strumento di diffusione è vietato, non a New York”.

Contro Dallas allo Yankee Stadium erano presenti 25204 spettatori: “Ricoprivano ogni fascia d’età e l’entusiasmo si percepiva. Va anche considerato che fino a 3-4 anni fa non avevano una squadra da seguire. Ad ogni azione offensiva si alzavano in piedi e urlavano sperando che la palla entrasse. E’ stato divertente”. A differenza di altri stadi però anche per via dell’ubicazione il prepartita si vive in maniera più sobria: “Non ho visto giochi, grigliate o quant’altro, anche perché siamo arrivati un po’ stretti coi tempi. E’ stato veramente divertente e mi è piaciuto lo spirito con jseve0s7cui i presenti vivevano l’evento. Nonostante il NYCFC avesse fallito una palla gol clamorosa per la vittoria nel recupero, sono usciti tutti contenti ugualmente per lo spettacolo offerto dalle squadre. Bello anche il rapporto che hanno coi giocatori che a fine partita si sono fermati a salutare i tifosi, firmare gli autografi e quant’altro”.

Insomma, una tuffo nel modo di vivere il soccer americano da consigliare agli amici, a prescindere dalla passione: “Sì, il campionato americano mi piace ma è più uno svago che una vera passione. Però è stata veramente una bella esperienza ed è stato divertente. Io seguo i Seattle Sounders ormai da 5 anni, ma nonostante non ci fossero loro in campo mi sono goduto lo spettacolo. La prossima partita di MLS che spero di vedere sarà dei Sounders, ma comunque consiglio a tutti gli appassionati di andare a vederne una. E’ uno spettacolo, nel vero senso della parola”.


 

Commenti

comments

Max Cristina
Giornalista dal 2006, scrivo per SportMediaset, TgCom24 e collaboro con Goal Italia. Ideatore e fondatore di MLSsocceritalia.com, precedentemente redattore di Calciomercato.com

Leggi anche

Torna su